Cinema: L'inferno Stampa
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
L'Inferno

 

L'Inferno

Paese Italia

Anno 1911

Durata 68 min

Pellicola in B/N

film muto

Genere letterario

Regia Francesco Bertolini, Giuseppe de Liguoro, Adolfo Padovan

Soggetto Dante Alighieri

Fotografia Emilio Roncarolo

Attori: Salvatore Papa: Dante

Arturo Pirovano: Virgilio,

Attilio Motta: Lucifero

 L'Inferno è un film muto del 1911, diretto da Francesco Bertolini, Giuseppe De Liguoro e Adolfo Padovan.

 Il film interpreta attraverso la originale via dell'arte fotografica, la prima cantica della Divina Commedia, con una serie di suggestive raffigurazioni ispirate a opere artistiche famose ricucite con modi espressivi inventati dagli stessi autori-registi, modi capaci di potenziare al meglio la poeticità e la drammaticità richiesta da un’opera così esigente, così straordinaria come La Divina Commedia. Notevoli infatti i giochi di movimento aereo dei personaggi presenti nelle diverse scene, effetti notevoli per l’epoca, resi possibili attraverso studi pratici innovativi, ricorrendo poi col montaggio alla sovrapposizione dei soggetti nelle scene complementari girate prima separatamente.

Il film. Dante dopo la sua forte delusione esistenziale, non può scalare la collina della speranza da dove potrebbe di nuovo vedere il sole, la cima potrebbe rappresentare la sua meta immediata per ripartire, Dante è impedito a salire da tre animali feroci, il Leone, La lonza, il Lupo, che gli sbarrano il sentiero minacciosi. Beatrice, che dal Paradiso lo vede, scende nel Purgatorio e prega il poeta Virgilio, ivi relegato per alcune mancanze etiche, ad uscire per andare incontro a Dante. 

I due sommi poeti si incontrano per scalare la collina ma a un certo punto si troveranno davanti alla porta dell'Inferno e nonostante la famosa minacciosa scritta sopra la porta "…lasciate ogni speranza voi che entrate..." Virgilio convince Dante ad entrare perché è da lì, attraverso uno scandaloso percorso visivo, che lui potrà forse uscire  dalla selva oscura in cui è immerso il suo Io. 

Inizieranno un cammino culturale con se stessi di grande potenza drammatica e catartica, rivedendo i propri pensieri legati alla condizione umana così come da loro già sperimentata. 

Si avventureranno tra i gironi e le Malebolge, dove Dante incontra tutti i celebri personaggi del poema: Minosse, Paolo e Francesca, Farinata degli Uberti, Pier della Vigna, ecc. 

Un film di grande impatto emozionale, che fa capire, provenendo dal lontano passato, quanto il cinema italiano di oggi sia a corto di idee, forse semplicemente perché si ostina a non rappresentare più i classici, che sono una fonte inesauribile di pensieri culturali idonei al cinema...

 
Biagio Giordano  

TUTTI I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
  
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information