di Massimo Bianco
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XVI
Numero 685 del 17 novembre  2019
Tel. 346 8046218
Ombre a stelle e strisce sul contrasto Renzi-Conte Stampa E-mail
Scritto da PIER FRANCO LISORINI   
Ombre a stelle e strisce
sul contrasto fra Renzi e Conte

E alla Lega di Salvini passa il testimone dell’esperimento giallo verde

 Dopo la seconda guerra mondiale l’imperialismo americano si è sostituito all’eurocentrismo politico e al colonialismo. Non è un mistero che questo si è esercitato anche e soprattutto attraverso l’attività delle agenzie di spionaggio americane e la sistematica infiltrazione nella politica, nell’informazione, nei governi, fino al limite della creazione di Stati fantoccio come il regime di Syngman Rhee, quello di Chiang Kai -Shek o dei Paesi latino americani (esemplare il caso di Fulgencio Batista).  In Occidente si è guardato con un certo distacco a questa invadenza, con l’illusione di non esserne toccati. I fatti hanno dimostrato che non è così e che le amministrazioni americane, senza distinzione fra democratici e repubblicani, non si sono fermate nemmeno di fronte agli amici inglesi, alla potenza economica tedesca o alla boria sciovinista francese.  Trovando però, bisogna dirlo, chi li ha rintuzzati e rimessi a posto. 


L’Italia, che è un gigante culturale e una potenza economica di prim’ordine ma una nullità politica, non l’ha mai fatto (non per niente Sigonella rimane una scandalosa anomalia); in Europa si è adattata a fare da ruota di scorta alla Germania e nel mondo a presentarsi come il cinquantunesimo degli States. Questo però non ha impedito agli spioni americani di vegliare sulla politica italiana e di stabilire qui da noi centri di osservazione e controllo che non hanno limitato la loro attività all’epoca della guerra fredda, quando bisognava controbilanciare il ruolo che i comunisti nostrani si erano assegnato di quinta colonna sovietica senza curarsi nemmeno di nasconderlo, ma l’hanno tranquillamente continuata grazie alla perdurante docilità (l’espressione è del NYT) dei nostri governanti, accentuatasi con l’ultimo governo. 


E a questo punto sorge spontanea una domanda. Ma da dove veramente è spuntato questo Conte? E a questa domanda ne segue un’altra: la combriccola di sprovveduti che sono piovuti in parlamento sotto l’egida di Grillo è solo un’armata Brancaleone o  c’e anche qualche sornione messo dentro  da una manina a stelle e strisce?  E non è che agiscano in Italia, mascherate da libere università, agenzie di formazione di personale al servizio dello zio Sam? Perché non vorrei, e parlo anche per me, che fissando l’attenzione sugli eurocrati di Bruxelles e sulla invasività del potere bancario e finanziario si dimenticasse che il potere globale non è un monolite ma il teatro di una guerra per bande in cui si muovono da un campo all’altro le agenzie di spionaggio americane. 

I Presidenti Conte e Trump

Nella sua requisitoria agostana contro Salvini  Conte aveva ammiccato maliziosamente - o mafiosamente - al russiagate farlocco  messo su un po’ artigianalmente per incastrare il Capitano; ma ora un russiagate  più credibile e documentato rischia di finirgli in testa come un boomerang, con una forza alimentata dal suo scoperto e tenace attaccamento ai servizi - convinto forse di poterli mettere al “suo” servizio - e dalla rivelazione delle improvvisate e segrete vacanze romane di ministri e funzionari americani. L’uomo che sussurrava alla Merkel nello scontro con Renzi rischia molto e, detto con tutta franchezza, se il bullo di Rignano, eterodiretto o no, riuscisse a spedirlo da dove è venuto gliene saremmo eternamente grati.

Da troppo tempo in Italia accadono cose strane che hanno sempre l’effetto di rimettere in carreggiata il fedele e docile alleato quando sbandicchia: da Ustica alla stazione di Bologna passando attraverso episodi minori o sottaciuti. Di quello che è successo a Trieste tutto si può dire salvo che ce la stiano contando giusta. Ci si dica almeno chi dove e a quale scopo ha addestrato l’assassino e si abbia la compiacenza di riconoscere che l’autodenuncia non era un espediente per entrare negli uffici della Questura. Almeno questo chiediamo  - ma io sarei anche curioso di sapere come mai Guzzanti sia a tal punto convinto che il domenicano sia un povero schizofrenico da imputare la strage ai nostri servizi sociosanitari che non se ne sono presi cura-; lo chiediamo sapendo che più passa il tempo più si allontana  la possibilità di conoscere almeno una parte della verità. Questo non riporterà in vita i nostri ragazzi né farà diventare meno docile il nostro governo ma servirà a salvare la faccia ai nostri inquirenti. 

Renzi e Fusaro

Lo scontro fra i due microscopici Titani è  in realtà una lite in famiglia, e una lite in famiglia resta anche quella fra i loro rispettivi burattinai. Ha infatti pienamente ragione Diego Fusaro quando riconosce che il contrasto fra democratici e repubblicani in America riguarda solo questioni interne e tutto sommato di dettaglio: frutto amaro della seconda guerra mondiale l’imperialismo americano resiste ad ogni cambiamento di amministrazione, cambia lo stile e la statura politica dei presidenti ma quello rimane e pesa come una cappa di piombo su tutto il pianeta. Complementare col suo strapotere politico  militare e industriale è il controllo esercitato sull’economia mondiale dalla finanza globale che si situa su un piano diverso rispetto a quello della dialettica politica ma che, comunque, con quella deve venire a patti. 


A questo proposito è doveroso riconoscere la distanza che corre fra l’approccio apparentemente teorico di Fusaro e quello apparentemente operativo di Rizzo e dei neocomunisti. Il primo mantiene saldamente i piedi sul terreno della prassi politica, è in grado di interpretarne correttamente gli sviluppi e di immaginarne scenari realistici; il secondo rimane sospeso nell’iperuranio dell’ideologia, si aggira fra i massimi sistemi, è incapace di entrare nel merito delle scelte politiche e di rinunciare ai suoi schemi concettuali e alle utopie giovanili. Così anche se entrambi sono formalmente posizionati contro la sinistra delle élite, dell’Europa, del capitale finanziario, Fusaro, a differenza di Rizzo, riconosce che dopo il fallimento pentastellato  il populismo - cioè la Lega di Salvini -  rappresenta ormai quello che la sinistra avrebbe dovuto essere e non è mai stata e per un futuro non lontano ipotizza un bipolarismo con protagonisti Renzi (o una sua copia)  espressione della nuova borghesia, dello status quo, dei privilegiati e dei ceti parassitari e Salvini, rappresentante dei ceti popolari e produttivi e sostenitore  di un complessivo riassetto sociale. In tutto questo l’Europa è il pomo della discordia, da difendere tale e quale per Renzi e i conservatori, fra i quali ovviamente vanno inclusi Forza Italia e Berlusconi, da ridefinire radicalmente trasformandola in un’alleanza, organica quanto si vuole, fra Stati sovrani per i populisti e la Lega; per i primi  deve continuare ad essere emanazione della finanza globale e delle nomenclature sovranazionali, per i secondi dovrà diventare lo strumento per abbattere l’una e le altre in nome del primato del lavoro, delle identità nazionali e della dignità della persona. Solo così, liberata dalla morsa di Bruxelles, l’Italia potrà anche chiudere per davvero la pagina dell’okkupazione americana e contribuire fattivamente al fronte antimperialista spostando verso sud e verso est il suo baricentro.  

Pier Franco Lisorini  docente di filosofia in pensione

 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information