di Massimo Bianco
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XVI
Numero 689 del 15 dicembre  2019
Tel. 346 8046218
Cinema: Mulholland Drive Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Mulholland Drive

Mulholland Drive, produzione Francia Usa, durata 146 minuti, anno 2001, genere thriller, regia di David Lynch, con Naomi Watts, Laura Elena Harring, Justin Theroux, Ann Miller.

  Los Angeles, via Mulholland Drive (strada famosa per le  numerose ville delle star del cinema hollywoodiano). Scampata a un omicidio e a uno spaventoso incidente stradale una donna rimasta senza memoria a causa dello shock (Laura Elena Harring), scende di sera barcollante verso la città e si rifugia in una casa. L'appartamento è dei genitori, assenti, della ambiziosa Betty (Naomi Watts) aspirante attrice, appena arrivata a Los Angeles. La donna si farà chiamare Rita.

 Aiutandola ad indagare sul suo passato Betty si innamora di lei e scopre un segreto pauroso che renderà ancora più precaria la vita di Rita.  Nella seconda parte del film, in seguito all'apertura di una misteriosa scatola bleu i ruoli dei personaggi si capovolgono, e Betty diventa Diane  una attrice frustrata dal successo della sua amante Camilla  la quale altro non è che la precedente Rita. 

Le due donne continuano ad amarsi finché un giorno Camilla comunica a Betty che devono lasciarsi perché lei ha deciso di iniziare una intrigante relazione con il suo regista (Justin Theroux). Betty non ci sta e paga un killer per eliminarla, ma  la scelta, tragica,  porterà alla rovina anche lei …

Film che rappresenta un po' la summa delle  migliori tecniche linguistiche cinematografiche, soprattutto per quanto riguarda la capacità di sostituire la parola con l'immagine in movimento, aspetto che in questo film  appare del tutto riuscito in quanto la pellicola riesce a dare maggior spessore sensoriale portando a dire e a fare (provocazione visiva) molto più del solito convenzionale: aprendo cioè brecce in una parte del sistema psichico percettivo dello spettatore fino a quel momento rimasto inutilizzato. 

Nel film la funzione tempo non è più cronologica, cioè non si sa mai in quale punto del racconto lo spettatore si trovi rispetto a una presunta circonferenza temporale costituente la stessa narrazione, inoltre sogno e realtà non sono mai distinti e ciò consente di spezzare ogni linearità di senso a vantaggio della comprensione di logiche più soggettive, sintomatiche, inconsce, atemporali, che animano i personaggi. Nel film i meccanismi del desiderio e dell'odio si articolano con maggiore lucidità comunicativa rispetto alla parola scritta, mostrandosi in tutta la loro forza su un piano raffigurativo altro, insolito, situato tra i sintomi nevrotici e quelli legati alla psicotizzazione della vita stessa. 

     Biagio Giordano  

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information