GLI AFORISMI DI MAURO COSMAI
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 651 del 17 febbraio 2019
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA 
Sperimentazione 5G... Stampa E-mail
Scritto da CLARA LIDIA SETTIMO   

Quando l'attuale Ministro della Salute Giulia Grillo, era una semplice deputata 5Stelle, si opponeva a spada tratta all'installazione delle antenne del Muos in Sicilia, sottolineando il rischio per i cittadini niscemesi di una continua esposizione alle onde elettromagnetiche, malgrado le rassicurazioni fornite ai tempi dall'Istituto Superiore di Sanità. Invocando il Principio di Precauzione, la Grillo così tuonava: “Non ci interessa un monitoraggio ambientale ex post. I cittadini non sono delle cavie da laboratorio, per cui noi facciamo prima l'esperimento e poi se stanno male, pazienza… Andava valutato il rischio prima, andava effettuato un modello previsionale di studio sugli effetti prima, e non dopo.”

Parole che sembrerebbero adesso calzare perfettamente a quanto invocato per la “sperimentazione del 5G” - la nuova generazione di telefonia mobile - da numerosi scienziati, dai medici di Isde Italia, dai ricercatori dell'Istituto Ramazzini, da numerose associazioni di malati ambientali e antielettrosmog, e anche dalla trasmissione Report, che di recente si è occupata in modo dettagliato del tema.

In una richiesta di moratoria all'implementazione del 5G sottoscritta da oltre 180 scienziati di 36 Paesi, viene sottolineato infatti che “numerose recenti pubblicazioni scientifiche hanno mostrato che i CEM (campi elettromagnetici) influenzano gli organismi viventi a intensità molto inferiori a quelle della maggioranza dei valori di riferimento nazionali e internazionali. Gli effetti includono l'aumento del rischio di cancro, lo stress cellulare, l'aumento dei radicali liberi, i danni genetici, i cambiamenti strutturali e funzionali del sistema riproduttivo, i deficit di apprendimento e di memoria, i disturbi neurologici e gli impatti negativi sul benessere generale degli esseri umani. I danni vanno ben oltre la razza umana, perché vi è una crescente evidenza degli effetti sia per le piante che per la vita animale”.

I firmatari invitano pertanto a “prendere tutte le misure ragionevoli per fermare l'espansione di CEM-RF (campi elettromagnetici a radiofrequenza) da 5G finché scienziati indipendenti non possano garantire che la tecnologia 5G e il livello totale di radiazioni causate da CEM-RF (5G insieme a 2G, 3G, 4G e Wi-Fi) non sono dannosi per i cittadini, in particolare i neonati, i bambini e le donne in gravidanza, nonché l'ambiente.”

Come risponde il Ministro Grillo alle suddette richieste? Ci aspettavamo che ripetesse con voce da leonessa quanto affermava ai tempi del NoMuos: “Il Governo che non tutela i propri cittadini è un Governo complice e assassino!!”

Ma i tempi evidentemente sono cambiati, e l'unica laconica risposta pervenuta è quella alla trasmissione Report “Riguardo all'introduzione dello standard 5G, si precisa in primo luogo che il Ministero della salute non è coinvolto nella governance delle relative attività, che investono principalmente il Ministero dello sviluppo economico e il Ministro dell'ambiente.”

Com'è possibile che, a fronte delle segnalazioni di un rischio per la salute dei cittadini proveniente da ampia parte della comunità scientifica indipendente, il Ministro Grillo pilatescamente sostenga che la faccenda non la riguarda?

Nella medesima lettera, il Ministero riconosce che “gli studi NTP e Ramazzini (che hanno correlato telefonia mobile e tumori, NdA) forniscono altresì spunti molto interessanti per ulteriori ricerche e approfondimenti, come evidenziato anche dagli stessi autori”.

E allora, caro Ministro Grillo, stanziamo i fondi e approfittiamo delle eccellenze presenti sul nostro territorio per gli approfondimenti del caso, per fare quello studio previsionale di cui parlava lei ai tempi e quindi per autorizzare la partenza di una nuova tecnologia solo avendo la certezza che non procuri danni alla popolazione. Perché, non lo dimentichi, il suo Ministero non solo è tenuto a far rispettare l'Articolo 32 della Costituzione, ma ha anche l'onere, in base al principio dell'OMS della “salute in tutte le politiche”, di riorientare il complesso delle politiche economiche e sociali, di sviluppo tecnologico, del lavoro, della casa e dell'ambiente al rispetto della tutela della salute dei cittadini.

Clara Lidia Settimo, socio AIE (Associazione Italiana Elettrosensibili)

Il video in cui l'On. Giulia Grillo da semplice deputata parlava contro il Muos

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Ultime da UOMINILIBERI

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa



 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information