GLI AFORISMI DI MAURO COSMAI
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 651 del 17 febbraio 2019
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA 
Lettura di un'immagine: La testa di Elena (1811) Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
LETTURA DI UN’ IMMAGINE 19
Testa di Elena (1811)
Scultura in marmo bianco di Antonio Canova
Ermitage, San Pietroburgo

 Questa scultura di Antonio Canova (Possagno, 1 novembre 1757 – Venezia, 13 ottobre 1822) esemplifica perfettamente l’ideale estetico del neoclassicismo e suo proprio: la realizzazione della forma pura è un processo di sublimazione che, muovendo dall’intuizione iniziale e dai dati sensibili approda alla creazione di un’opera che rappresenta la bellezza ideale concretizzata nella materia prescelta, in questo caso il marmo bianco.


La testa di Elena è scolpita secondo le proporzioni classiche della sezione aurea sull’esempio delle statue, dei templi e dei bassorilievi di Fidia: nulla è sproporzionato, tutto rientra nella giusta misura dei rapporti armonici tra copricapo e capigliatura, tra fronte, naso e occhi, tra guance, bocca, mento e collo. Anche la capigliatura che incornicia il volto con i suoi riccioli è proporzionata al volume di questa testa ideale di Elena, che se ne sta assorta, lontana, indifferente e imperturbata come una dea. Nessun affanno e nessuna passione traspare dal suo volto: la sua bellezza è celeste non terrestre. Questa scultura, donata dal Canova all’amica Isabella Teotochi Albrizzi, fine letterata, prima amante del giovane Ugo Foscolo, affascinò molti artisti e poeti; tra i quali Lord Byron, che le dedicò il seguente epigramma:

In this beloved marble view,

Above the works and thoughts of man,

What nature could, but would not, do,

And Beauty and Canova can!

Beyond imaginations’s power,

Beyond the bard’s defeated art,

With immortality her dower,

Behold the Helen  of the heart!

In questa diletta visione marmorea, al di sopra delle opere e dei pensieri dell’uomo, ciò che la natura avrebbe potuto ma non volle fare, bellezza e Canova possono! Al di là della forza dell’immaginazione, al di là dell’arte sconfitta del bardo. Con l’immortalità sua dote, guardate, ecco l’ Elena del cuore!

    FULVIO SGUERSO 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Ultime da UOMINILIBERI

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa



 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information