Settimanale Anno XVI
Numero 720 del 13 settembre 2020
Tel. 346 8046218
Lettura di un'immagine: I quattro mori Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
LETTURA DI UN’IMMAGINE 82
 I Quattro Mori
Monumento Marmo e bronzo (1595 – 1626)
di Giovanni Bandini e Pietro Tacca
Piazza Micheli - Livorno

 Livorno, per me, è anzitutto la città di Giovanni Fattori e di Amedeo Modigliani; del famoso Congresso del Partito Socialista del 1921; dell’austera Villa Mimbelli, sede del Museo Fattori; del lungomare con la splendida Terrazza Mascagni; ovviamente dell’Accademia Navale e, infine, del monumento al Granduca Ferdinando I de’ Medici chiamato dei Quattro Mori. Questo monumento fu commissionato dal Granduca medesimo allo scultore Giovanni Bandini (Firenze, 1540 circa – Firenze, 1599) per autocelebrarsi quale propulsore e realizzatore delle nuove fortificazioni della città labronica disegnate dall’architetto Buontalenti e quale vincitore dei pirati barbareschi nel Mediterraneo. Il giovane scultore fiorentino pose mano alla statua nel 1595 a Carrara e la completò nel 1599. La statua venne trasportata via mare a Livorno, dopo la morte dell’artista, nel 1601 e posta sull’alto piedistallo nel 1617. Lo scultore Pietro Tacca (Carrara, 1577 – Firenze, 1640). ebbe l’incarico di rifinire l’opera aggiungendo quattro mori in bronzo incatenati al piedistallo. Il Granduca indossa la divisa dell’Ordine dei cavalieri di Santo Stefano, l’arma ideata da Cosimo I de’ Medici in funzione antiottomana e per combattere i corsari nel Mar Mediterraneo. I quattro mori incatenati rientrano nella tradizione romana dei trionfi ripresa, per esempio, da Michelangelo nei Prigioni che avrebbero dovuto  adornare la tomba di Papa Giulio II. Quanto allo stile è evidente il modello manieristico di scultori come il Giambologna: quei corpi in tensione e in quelle pose innaturali esprimono con efficacia la loro condizione di schiavitù. Per questi suoi mori Pietro Tacca prese come modelli alcuni veri detenuti di età diversa e di diversa etnia del Bagno dei forzati, che si trovava vicino alla Fortezza Vecchia che avrebbero dovuto rappresentare le quattro età della vita. Notevole, in queste sculture, la fusione tra realismo e deformazione manieristica. Certo è che i Quattro Mori, scampati per miracolo al furore ideologico dei rivoluzionari francesi e ai bombardamenti degli Alleati nella seconda guerra mondiale, si fanno ammirare, oggi come ieri, dai viaggiatori colti  che passano da Livorno, a dispetto dell’intenzione dominatrice  e dell’atteggiamento tronfio del Granduca Ferdinando.  

FULVIO SGUERSO

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information