Category Archives: Tempi di Fraternità

Uno sguardo dal ponte

Due sono oggi gli argomenti che a nostro parere meritano alcune riflessioni sul piano della fede e della necessaria riforma della curia vaticana e così pure delle istanze sociali. Ci riferiamo ai contestatori di Papa Francesco, interni ed esterni al Vaticano, e alla crisi del Partito

ELOGIO DELLA VECCHIAIA

Mentre continua a infuriare la guerra russo-ucraina, sempre più crudele e spietata, noi ostinatamente proponiamo pensieri e pratiche di pace, con personaggi storici e attuali che consideriamo maestri imprescindibili per camminare sulle vie della pace. Mons. Luigi Bettazzi, testimone autorevole e lucida voce di pace

Lungo il sentiero

“Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura ché la diritta via era smarrita” (Dante Alighieri) Abbiamo smarrito la nostra via? I risultati delle elezioni del 25 settembre, per quanto prevedibili, ci lasciano un senso di smarrimento, come se non

Un’agenda dal basso

Il fatto di non sapere chi potrà vincere ci incoraggia a proporre un’agenda per il nuovo governo, libera da pregiudizi e condizionamenti di varia natura che ci consentono di provare a fare un esercizio di verità, esponendo le cose che ci stanno a cuore e

Apriamo i cuori alla profezia

Papa Francesco fin dall’inizio del suo pontificato si è presentato come anticlericale. Per gli storici l’anticlericalismo è “una componente importante della nostra storia” e “non vi è ricerca sulla vita politica o religiosa dell’Italia unita che possa prescinderne” (Pietro Scoppola). A parte piccole differenze, la scoperta

Se vuoi la pace prepara la pace

Per la terza volta consecutiva dedichiamo l’editoriale alla pace. Non era nelle nostre intenzioni ma la guerra che continua con i suoi tragici e inquietanti eventi e anche la critica di un nostro abbonato giunta in redazione (vedi pag. 21), ci spingono in questa direzione,

Democrazia a rischio

Perché la politica ed i parlamentari hanno fallito? Perché hanno perso di credibilità? Se lo chiedono in tanti e ci poniamo anche noi questo quesito. Assistiamo sempre più, in Italia ma anche all’estero, ad un divario enorme – quasi un baratro – tra popolo e

Un presidente per un Paese che necessita di più democrazia e più giustizia

Nello scorso mese di novembre ben 15 istituzioni e associazioni che si ispirano alle culture politiche dei padri costituenti hanno stilato un documento “Il/la Presidente che vorremmo” per discutere sul profilo del/della futuribile Presidente “che non sia esclusivo appannaggio del ceto politico-parlamentare, bensì divenga oggetto di pubblico confronto”