Associazione Musicale Rossini. Stagione concertistica

Associazione Musicale Rossini (XXX° anniversario di fondazione)

STAGIONE CONCERTISTICA 2021/2022. (XXVI^ edizione)

Giacomo Fuga, Federico Bricchetto, Federico Briasco

Dal prossimo mese di settembre, l’Associazione Musicale Rossini, riproporrà la sua tradizionale Stagione Concertistica, giunta alla XXVI^ edizione.
I concerti si terranno tutti alla  Sala Stella Maris e saranno divisi in tre cicli: uno autunnale, i concerti per festeggiare il XXX° anniversario di fondazione (febbraio 2022) e un ciclo primaverile.
Fino a quando rimarranno in vigore le restrizioni emanate per combattere la pandemia, tutti i concerti saranno replicati due volte per favorire il massimo afflusso di pubblico.
Si inizierà giovedì 23 settembre (ore 18 e ore 20.45) con un concerto dell’ Ensemble Rossini, nato di recente all’interno dell’Associazione  Rossini, con l’obiettivo di riunire musicisti savonesi che possano costituire un gruppo stabile ed affiatato, con l’intento di crescere artisticamente nella pratica, nella conoscenza e nella creazione di un repertorio per il momento concentrato sullo “Stile Classico” ma senza dimenticare il grande musicista pesarese che da il nome all’Associazione. In questo concerto saranno impegnati: Elena Bacchiarello, clarinetto – Carola Romano e Francesco Bagnasco, violini – Maddalena Vitali, viola – Martina Romano, violoncello – Loris Orlando, pianoforte.
Il programma è totalmente dedicato a Mozart e prende avvio con il cosiddetto “Trio dei birilli” K 498, brano caratterizzato da una scrittura brillante e disimpegnata, dove spicca il ruolo protagonistico del pianoforte. La tradizione vuole che il compositore abbia concepito il brano nel corso di una partita di birilli, gioco da lui praticato con piacere e assiduità; altre fonti spiegano il titolo con la destinazione del brano alla cosiddetta “Hausmusik” (musica domestica).

Alberto Pavani, Elena Bacchiarello

A seguire il quintetto per clarinetto, K 581 “Stadler”, importante pagina della maturità, composta per il virtuoso clarinettista Anton Stadler ed eseguita la prima volta a Vienna nel dicembre 1789. Il tono affabile, dove pure trovano posto aperture nostalgiche e meditative nonchè atmosfere di estatica contemplazione, caratterizza questo lavoro, pietra miliare del repertorio clarinettistico e, più in generale, una degli autentici capolavori di tutta la letteratura cameristica mozartiana.
Giovedì 7 ottobre (ore 18,00 e ore 20,45) Concerto per Angelo, per ricordare il II° anniversario della scomparsa del Socio fondatore Angelo Bertolotto, simpaticissimo animatore delle passate trasferte musicali della ns. Associazione. Il concerto, ad ingresso gratuito, vedrà impegnato un ensemble con esecutori provenienti dalla scuola del M° Pino Briasco guidato dal figlio d’arte Federico Briasco.  Ci saranno la mezzosoprano Ivonne Giacchino, il chitarrista Riccardo Pampararo, noto per gli arditi arrangiamenti che miscelano il repertorio classico a quello Rock e Folk; il giovane Giulio Granero in duo con il suo Maestro Federico Briasco. Una serata di musica popolare che prevede un’ampia rassegna di accattivanti brani che spazieranno dalla tradizione latinoamericana, al jazz, al New Flamenco, sia originali sia riconoscibili da precedenti ascolti in importanti colonne sonore di film.
Giovedì 21 ottobre (ore 18,00 e ore 20,45) inizierà la lunga serie di recital pianistici programmata per esaltare  le qualità del pianoforte Yamaha C7, 3/4 di coda, recentemente acquistato dalla ns. Associazione.
Si inizierà con il pianista torinese Giacomo Fuga, docente di pianoforte principale al Conservatorio Verdi di Torino e reduce, prima della chiusura di tutti i teatri, da una tournée americana con numerosi concerti a Chicago con il violinista Sergio Lamberto, entrambi noti al pubblico della Rossini per aver preso parte, con il Trio di Torino, alle stagioni del Teatro Nuovo Valleggia.
Eseguirà un programma comprendente brani di Schubert e di Liszt. Del Maestro viennese verranno eseguiti tre improvvisi, lavori della maturità in cui si riflette il particolare gusto romantico per la pagina di breve respiro, dove la fantasia può spaziare liberamente e insieme cogliere un sentimento nella sua immediatezza. L’impronta virtuosistica contrassegna invece i quattro brani lisztiani che completano il programma ed esibiscono già nella scelta dei titoli una propensione alla pittura sonora intesa non meramente in senso descrittivo.
Giovedì 11 novembre (Orario da definire) Dall’alba al tramonto (Suggestioni in musica, poesia, immagini)
Il trio composto da Michele Menardi, flauto – Ivana Zincone, pianoforte e Flavio Menardi, autore dei testi e voce narrante, proporrà un concerto in cui le musiche si alternano alla lettura di alcune poesie e testi mentre sullo sfondo scorrono immagini e piccoli video. Undici brani musicali accompagnano il pubblico lungo un percorso temporale – dall’inizio alla fine di un’immaginaria giornata – in cui si incontrano elementi naturalistici (l’alba e il tramonto, ma anche: un paesaggio, la primavera, le nuvole, le montagne, il mare in primavera, una chioccia) e soggetti umani (un bambino, dei danzatori, un fauno, il treno come simbolo del viaggio e del trascorrere del tempo) che hanno ispirato composizioni per flauto e pianoforte o per uno dei due strumenti. Le musiche sono di importanti compositori del Novecento che, pur attraverso una notevole varietà di stili, hanno conservato la capacità di dialogare con il pubblico e suggestionarlo.
Giovedì 25 novembre (Orario da definire) secondo appuntamento con la rassegna “Novità dai Conservatori”, iniziata con successo lo scorso mese di giugno, con due cantanti neo laureate al Conservatorio di Cuneo. Questa volta la collaborazione è con il Conservatorio Verdi di Torino che ci proporrà due dei migliori allievi diplomati nella sezione autunnale di esami di pianoforte. I nomi degli esecutori ed il programma saranno comunicati alla fine di ottobre.
Giovedì 9 dicembre (Orario da definire) terzo appuntamento con la rassegna “Novità dai Conservatori”. Si esibirà il pianista di Chiavari Alberto Pavani, segnalato dal Conservatorio Paganini di Genova e recente vincitore della prestigiosa borsa di studio Giuseppe Ponta.
Il programma proposto abbraccia tre secoli di letteratura pianistica; prende infatti le mosse dalla Sonata K 576 di W.A. Mozart, del luglio 1789, ultima tra le sonate dedicate al pianoforte dal musicista salisburghese, per inoltrarsi poi nel repertorio romantico con lo Scherzo op. 39, n. 3 di F. Chopin, composto nell’estate 1837 e degno di figurare tra le sue pagine più innovative, e proseguire con la brillante Rapsodia Spagnola (1863) di F. Liszt, il cui prorompente virtuosismo è posto al servizio di un clima evocativo affidato alla cantabilità e punteggiato da ritmi di danza. In chiusura due importanti lavori novecenteschi di F. Busoni: la Sonatina super Carmen  e Turandots Frauengemach.
Concluderà il ciclo autunnale dei concerti, Giovedì 16 dicembre (Orario da definire), un recital del giovane pianista di Celle Ligure Federico Bricchetto, diplomato alla Schola Cantorum di Parigi e laureato al Conservatorio Verdi di Milano con una tesi sulla contaminazione tra musica, arte e letteratura nel repertorio francese del ‘900 che ha presentato in numerosi concerti, ricevendo sempre un successo di pubblico e critica per «la sua profonda espressività, lo spiccato senso ritmico, le particolari doti virtuosistiche e la straordinaria sensibilità».
In programma due brani di F. Chopin: il primo dei Due Notturni op. 62 (1846), pagina intrisa di lirismo in cui l’apparato decorativo (trilli e abbellimenti) gioca un ruolo importante ai fini dell’espressività; a seguire l’innovativo, lacerante Scherzo op. 20, n. 1, datato 1835 ma forse precedente e, pare, collegato alle tragiche vicende della caduta di Varsavia. Chiude il concerto la cinquina di lavori pianistici che M. Ravel compose tra il 1904 e il 1905 – anni segnati dalle sue vivaci esperienze col gruppo parigino dei cosiddetti Apaches – e raccolse sotto il titolo Miroirs.

INFORMAZIONI:         associazione.rossini@fastwebnet.it                334 3353592

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *