Presentato il progetto “Un quattro zampe per amico

Terapia assistita con animali per fornire un supporto psicologico ai cittadini colpiti da disturbi da stress a causa della pandemia; è questo l’obiettivo che si è posta Regione Liguria, insieme all’Istituto ligure del Consumo, che riunisce otto associazioni dei Consumatori (Adiconsum, Assoutenti, ADOC, la Casa del Consumatore, Codacons, Federconsumatori, Lega Consumatori, Sportello del Consumatore) e all’Ordine degli Psicologi della Liguria per dare una mano a tanti cittadini colpiti da disturbi post traumatici da stress a causa del Covid. All’interno del protocollo d’intesa già attivato per il supporto psicologico ai cittadini, è stata individuata un’area dedicata alla terapia specialistica assistita, attraverso l’aiuto degli animali, sia presso i luoghi dove gli psicologi dell’Ordine sono abilitati a svolgere questo tipo di assistenza, sia all’esterno.

“Il progetto in questione è stato fatto grazie ad un bando del Ministero dello Sviluppo Economico”, dichiara l’assessore regionale alla Tutela dei Consumatori e Tutela degli Animali d’affezione Simona Ferro, “e si sviluppa su due filoni : aiutare le persone sole a gestire il proprio animale domestico e realizzare la pet therapy per coloro che hanno avuto problemi a causa della pandemia. L’obiettivo è aiutare tutte quelle persone che hanno subito un forte stress dal Covid, perché la pandemia ha impattato molto, non solo sulle condizioni economiche, ma anche sul benessere psichico dei cittadini che hanno sviluppato sintomatologie varie; ringrazio le associazioni coinvolte ricordando che il lavoro della dottoressa Stefania Pecora è molto importante per lo sviluppo delle linee guida. Avere vicino un animale domestico porta grandi benefici e spero che il progetto possa essere accolto bene”.

Parole simili da parte di Furio Truzzi, presidente dell’Istituto Ligure del Consumo :”La collaborazione con la regione è molto importante e ringrazio la dottoressa Ragazzi per il lavoro che svolgerà; la rete di associazioni che ci aiuta è notevole e questo progetto è molto importante a livello psicologico. Noi smisteremo le richieste nei confronti dei servizi richiesti sia per dare aiuto e assistenza ai proprietari di animali che non possono provvedere autonomamente alla loro cura, sia per attivare un supporto psicologico indoor o outdoor; tutti i cittadini liguri potranno usufruire gratuitamente di questo servizio fino a esaurimento delle risorse”.

“La Liguria ha attuato politiche importanti per gli interventi terapeutici in cui sono coinvolti gli animali visto che dalla crisi sanitaria sono nate grandi possibilità; durante le restrizioni dovute alla pandemia il distanziamento ha creato ripercussioni importanti poichè le persone hanno bisogno di contatti; chi ha un animale domestico ha sofferto meno il lockdown ed il progetto prevede lo studio della relazione tra persona ed animale svolgendo l’attività nello studio del professionista o in un ambiente neutrale. E’approvato che coloro che curano un animale curano meglio anche loro stessi e spesso una persona ha difficoltà ad esprimere la propria sofferenza; la fase conclusiva prevede la stimolazione dei sentimenti degli individui senza dimenticare un confronto con i veterinari favorendo il recupero del benessere della persona poichè con gli animali si è a contatto diretto con i propri sentimenti.

Il progetto è frutto di una collaborazione tra regione, ordine degli psicologi ed Istituto Ligure del Consumo per aiutare soprattutto le persone a superare gli effetti della pandemia; gli interventi sull’interazione interspecifica triangolare coinvolgono lo psicologo, il paziente e l’animale domestico. La regione è molto sensibile sulle possibilità dettate dai trattamenti con gli animali che prevedono un lavoro sulle sensazioni provate in quel momento e sulla comunicazione non verbale con l’accesso diretto alle emozioni”, conclude la dottoressa Stefania Pecora, psicologa coordinatrice del gruppo di lavoro.
La consulenza prevede un ciclo di quattro incontri, necessari per attivare un cambiamento nel paziente.
Le persone potranno rivolgersi al numero verde 800 180 431 oppure inviare una mail a: animaleamico@consumatoriliguria.it o contattare i 26 sportelli delle Associazioni dei Consumatori sul sito www.consumatoriliguria.it. E saranno le stesse associazioni che li metteranno in contatto con gli psicologi.

SELENA BORGNA

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *