Verso la catastrofe Stampa
Scritto da FULVIO SGUERSO   
                VERSO LA CATASTROFE

Non sappiamo quando il mondo finirà.

Sappiamo solo che finirà.

Nel frattempo ci diamo da fare 

perché prima del mondo

soccomba l’umanità. 

La vita umana, è vero, si è allungata

e, ci dicono i biologi, continuerà

ad allungarsi. Ma fino a quando?

Fino a quando dureranno le risorse

non illimitate della nostra comune

madre terra o fino a quando 

i cambiamenti climatici e la nostra

cieca rapacità renderanno inospitale

quello che un tempo era il nostro

habitat naturale? Oppure fino 

a quando la scarsità delle risorse

 ci spingerà gli uni contro gli altri

in una guerra di tutti contro tutti.

in cui i più forti elimineranno 

i più deboli, salvo poi ad essere 

a loro volta eliminati da chi 

sarà più forte di loro, 

secondo  la legge della giungla

nuovamente tornata in vigore

malgrado le nostre belle costituzioni?

Ma alla fine chi potrà sopravvivere

In una terra completamente desertificata?

Già avanzano i deserti e si sciolgono

i ghiacci, già si alza il livello dei mari,

sia pure impercettibilmente, 

e giorno verrà in cui le coste e le pianure

saranno nuovamente sommerse dalle acque

e solo emergeranno le montagne più alte

e questa volta nessuna arca di Noè

salverà i pochi uomini giusti rimasti

e finalmente regnerà la pace sulla terra.

A questo ci stiamo avviando

malgrado non siano mancate 

alcune voci, inascoltate, di profeti 

disarmati lasciati soli a predicare nel deserto.

Ma, si sa, nemo propheta in patria.

 

 FULVIO SGUERSO

Share/Save/Bookmark
 
Commenti (1)
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information