Lettura di un'immagine: I funerali di Togliatti Stampa
Scritto da FULVIO SGUERSO   
LETTURA DI UN’IMMAGINE 120
I funerali di Togliatti
Colori acrilici su carta applicata a quattro pannelli
di legno (1972) di Renato Guttuso
Museo d’arte moderna – Bologna

Quando il 21 agosto 1964 l’agenzia Ansa diffonde la notizia con le seguenti parole “Con profondo dolore la segreteria del Pci annuncia la morte del compagno Palmiro Togliatti (1893 – 1964) avvenuta oggi a Jalta alla ore 13.20”, il quotidiano l’Unità esce in edizione straordinaria con la prima pagina listata a lutto e il titolo “Togliatti è morto” seguito dal necrologio: “un grande figlio del popolo italiano, un dirigente geniale del comunismo internazionale, un combattente che ha speso tutta intera la sua esistenza in una lotta dura e infaticabile per il socialismo, per la democrazia, per la pace”. Il 25 agosto confluisce a Roma oltre un milione di persone provenienti da ogni parte d’Italia e dall’Europa per dare l’ultimo saluto a Palmiro Togliatti. Tra queste anche il pittore siciliano Renato Guttuso (Bagheria, 1911 – Roma, 1987) che dipingerà otto anni dopo l’opera-manifesto I funerali di Togliatti , conservata nel Museo d’arte moderna di Bologna (Mambo)..Si tratta, è il caso di dirlo, di un grande affresco di quattro metri e quaranta per tre metri e quaranta centimetri in cui spicca il contrasto tra le bandiere rosse e il bianco e nero della folla, nella quale sono riconoscibili, oltre a vari dirigenti del Pci, tra cui Luigi Longo, Pietro Ingrao, Giancarlo Pajetta, Giorgio Amendola, Alessandro Natta ed Enrico Berlingueur, anche intellettuali, scrittori, pittori, poeti e registi come Elio Vittorini, Pablo Picasso, Pablo Neruda, lo stesso Guttuso, Luchino Visconti, tutti convenuti, realmente o idealmente, intorno al feretro di Togliatti. Come anche, mescolati alla folla, compaiono Lenin, Gramsci e, un po’ defilato, Stalin e un’icona dell’antifascismo come papà Cervi. Tra le figure femminile riconosciamo Nilde Jotti, Dolores Ibarruri e Angela Davis. Quest’opera manifesto vuole evidentemente rappresentare il raccogliersi di tutto un popolo intorno a un grande interprete dell’Italia democratica e repubblicana che ha saputo risorgere dalle rovine della guerra voluta da Mussolini anche grazie alla saggezza del Partito comunista italiano gramsciano e togliattiano.

        FULVIO SGUERSO  

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information