Figuranti Stampa
Scritto da RENZO BALMELLI da L'avvenire dei Lavoratori   

FIGURANTI

 

Partito con le voci storiche di Nilla Pizza e Achille Togliani con testi che non uscivano di un millimetro dal solco “patria, famiglia e amore”, il festival di San Remo da settant’anni vola infaticabile come le “bianche colombe” sul lessico canoro italiano.

Immaginare il Bel Paese senza l’annuale appuntamento musicale sulla Riviera ligure farebbe più scalpore delle ripetute crisi di governo. Si convive con la triplice emergenza sanitaria - economica e politica, ma quando arriva il momento di aprire le porte dell’Ariston, mentre cinema e teatri sono chiusi, il festival non si può rimandare.

Sarebbe una mezza sciagura nazionale, o giù di li. Per salvare la manifestazione minacciata dal Covid si sposta la data tradizionale da febbraio a marzo e la RAI sta cercando coppie di figuranti per mimare un filo di normalità nella sala vuota dove si spera di non dovere imitare Bobby Solo che qui cantava “Non c’è più niente da fare”.

 Renzo Balmelli da  L’avvenire dei lavoratori

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information