Malafede Stampa
Scritto da RENZO BALMELLI da L'avvenire dei Lavoratori   

MALAFEDE

 

Non sono i social come tali a far discutere, bensì l’uso che se ne fa per veicolare messaggi del tutto improbabili se non in malafede al fine di orientare l’informazione in un’unica direzione. Trafiletti e titoli al vetriolo, sondaggi inattendibili che cambiano da un’ora all’altra a seconda del committente oppure profezie campate in aria e regolarmente smentite dai fatti, sono gli ingredienti miscelati con subdola abilità nella gara per nascondere e distorcere le notizie.

Il brutto vizio, non nuovo, ha subito una vistosa impennata nel periodo più difficile del virus che ha stravolto le abitudini ed ha arato il terreno per ogni sorta di manipolazione.

Il fenomeno non conosce frontiere, ma è soprattutto sulla stampa di destra che si focalizza una sorta di comunicazione tribale.

Ogni tribù ha i suoi ghostwriter istruiti nell’opera di travisamento della realtà, cioè nell’arte della menzogna, posta al servizio di interessi spesso inconfessabili.

 

Renzo Balmelli da  L’avvenire dei lavoratori

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information