"Gomblotto" Stampa
Scritto da RENZO BALMELLI da L'avvenire dei Lavoratori   

  “GOMBLOTTO”

 

 Ma quant’è canaglia questo virus. Al punto da mettere a soqquadro i pilastri della comédie humaine alla quale ci tocca assistere con un senso di impotenza e di accresciuta fragilità.

Con l’infezione torna in auge, rispolverata da quando era un tormentone televisivo, la teoria del “gomblotto” ad opera di oscuri manovratori.

Nell’ultima versione è andata diffondendosi la mania del “complotto virale” ordito con chissà quali scopi inconfessabili. 

 

Lo accompagna un corollario di dispute infuocate sui provvedimenti per fermare i microbi in libera uscita.

Da un lato s’ode lo squillo di chi giudica le misure restrittive alla stregua di un pretesto a scapito della libertà. 

 

Dall’altro risponde chi ritiene il lockdown, parola ormai entrata nel linguaggio corrente, l’unico, inderogabile provvedimento per salvarci, ancorché molto pesante. 

 

Tra il desiderio di sicurezza e il timore di un raggiro autoritario, si sta creando insomma un circolo vizioso frutto dell’incertezza in cui siamo sprofondati.

I latini se la cavavano con la locuzione in medio stat virtus, ma stavolta nemmeno la loro saggezza aiuta a fugare caos e perplessità.

  

Renzo Balmelli da  L’avvenire dei lavoratori

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information