Note sull’abolizione della censura cinematografica Stampa
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
Brevi note sull’abolizione
della censura cinematografica

 L'abolizione della censura cinematografica è indubbiamente una cosa buona. Non dimentichiamo però che per quanto riguarda il percorso e la realizzazione di un progetto filmico è difficile sapere, terminata l’opera, chi è il vero autore del film, cioè quali idee, quali dialoghi, quali concetti, hanno prevalso nella stesura finale della sceneggiatura, e quanto è stato tolto per non disturbare il buon nome delle istituzioni religiose e laiche, compreso la politica e la cultura contenente di un posto o una nazione. Il film nasce da un rapporto serrato tra investitori, sceneggiatori, registi, spesso con finalità ignote...

La censura più importante e devastante non riguarda quindi il nudo che offende o l'erotismo volgare e perverso, ma la complessa elaborazione della sceneggiatura, frutto di rapporti di forza tra tutti i partecipanti alla realizzazione del film...

 

 

Biagio Giordano

TUTTI I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
  
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information