SETTIMANALE anno XVII
n° 752 del 16 maggio 2021
tel 346 8046218

I loanesi si lamentano, ma poi chinano la testa e votano i soliti Stampa E-mail
Scritto da Giambello   
I loanesi si lamentano, ma poi chinano la testa e votano i soliti
Cinquemila e mille
Tutte le domande che vorrei fare in un civile confronto pubblico

Loano - Come telespettatore, ma anche come cittadino italiano, mi piacerebbe una di queste sere accendere il televisore e assistere - invece che al centosettantaquattresimo talk show sul delitto di Avetrana - a qualche interessante faccia a faccia all'americana (uno contro uno, parità di tempi e divieto di interruzione).

Sarebbe affascinante, per esempio, ascoltare un onorevole che difende il suo diritto divino a ricevere ogni mese cinquemila euro in più di un deputato tedesco mentre spiega a un pensionato sardo che per salvare il Paese è assolutamente necessario e urgente congelare il suo assegno da mille euro, sganciandolo dall'aumento del costo della vita e caricandolo di Ici, Imu e ticket vari. Ma forse sarebbe ancora più intrigante sentire la risposta di quel pensionato: l'opinionista che non c'è.

Articolo di Sebastiano Messina pubblicato su la Repubblica, il 15/12/11

 

Riprendo questo breve articolo di Sebastiano Messina, capitato sul mio tavolo per caso, perchè io non leggo La Repubblica.

Mi sono trovato a pensare che anche a me, come spettatore del degrado loanese che paga le tasse, piacerebbe uno di questi giorni assistere e partecipare ad un incontro all'americana: da una parte cittadini loanesi pensionati e commercianti, dall'altra l'amministrazione comunale, e sarebbe bello ci fossero, a spalleggiarli, anche qualche "membro con annessi" della giunta provinciale.

Premettendo che Loano sta cambiando faccia con le sue grandi opere di abbellimento, quando parlo di degrado, intendo quello morale.

Per i carruggi si sentono solo lamentele da parte dei commercianti e dai loanesi che passeggiano nei tiepidi pomeriggi di questo inverno che stenta ad arrivare.

Sembra che a nessuno piaccia questa moda delle palme, la carenza di servizi igienici pubblici, i parcheggi a pagamento, l'edilizia selvaggia e il commercio asiatico, la mancanza di iniziative per i giovani e il degrado dei caruggetti orbi; non piacciono gli alberghi che chiudono e le spiagge assegnate sempre ai soliti.

Insomma, sembra che la stragrande maggioranza dei loanesi non sia contenta della loro cittadina e di come viene amministrata. Mentre invece, chi apprezza, è solitamente il "foresto" che sfrutta la casa dei nonni al mare, e ha deciso di aprirsi una piccola caffetteria in riviera.

Il Sindaco Pignocca

Mi piacerebbe sentire il primo cittadino che spiega alla commerciante di abbigliamento che da anni paga 2500 € al mese di affitto, paga Inps, spazzatura ecc.ecc. E combatte la crisi, che la scelta di rilasciare una licenza commerciale ai suoi vicini cinesi che le oscurano la vetrina è una scelta dettata dallo Stato e lui non c'entra nulla.

Mi piacerebbe che lo ripetesse al barista, al venditore di elettrodomestici e al parrucchiere.

E che spiegasse all'ex proprietario di un fondo agricolo che si è svenduto la sua proprietà perchè, ormai avanti con l'età non poteva più coltivarlo e il Comune non rilasciava permessi edilizi, ma chi l'ha comprato ci ha costruito su un "castello" dopo tre mesi.

Mi piacerebbe sentire un loanese esprimere il suo malcontento per le palme e i tecnici del Comune che gli spiegano che i pini marittimi non si possono piantare perchè hanno le radici o la malattia (le palme no???).

Mi piacerebbe ascoltare cosa hanno da dire tutti questi loanesi che si lamentano 365 giorni all'anno ma poi, come le pecore, chinano la testa e si recano alle urne e...vincono le elezioni sempre i soliti.

Sarebbe interessante sentire come potrebbero spiegare i "soliti" che lavorano sei ore e quaranta al giorno, sono benestanti e non hanno mai dovuto pagare un affitto, ecco, mi piacerebbe sentire come possono spiegare che "loro" sono schiavi delle leggi del Governo....

Mi piacerebbe, come cittadino loanese e padre di famiglia, sapere quali benefici ha portato la costruzione del mega porto, perchè fino ad oggi l'unica cosa che personalmente mi ha portato VIA sono i pesci! O a Loano la categoria dei commercianti è così bassa che non se la fila nessuno, o il rappresetante di categoria è "uno di loro", cioè degli altri, oppure va tutto bene e come si dice in Liguria "chi nu cianse nu tètta" . 

Giambello 

18 dicembre 2011 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information