Ci prendiamo una pausa.
Riprendiamo a settembre
BUONE VACANZE A TUTTI
tel 346 8046218

Cartoline dall'Islanda X Stampa E-mail
Scritto da DELFO POZZI e SOFIA FRESIA   
Cartoline dall'Islanda  
(Viaggio di Delfo Pozzi e Sofia Fresia)
X Mezza isola, da nord ovest a est (Holmavìk - Stöðvarfjörður)

Questa volta corriamo, ci fermiamo poco lungo la strada, vogliamo tornare rapidamente verso la nostra base nei fiordi dell’est per continuare i nostri lavori e assaporare l’ultimo mese di residenza.

Per riguadagnare la statale 1 (quella che che fa tutto il giro dell’isola più o meno vicina alla costa: tranne che nei Westfjord) usciamo da Holmavìk per una strada diversa da quella da cui siamo arrivati: da quel momento ci immergiamo nei paesaggi più selvaggi e desolati che ci capiterà di vedere in tutto il viaggio. Scendiamo un fiordo, dopo venti chilometri di sterrato inciso con chissà quanta fatica lungo la costa, brulla, scoscesa e pressochè disabitata. C’è gruppo di case, al fondo del fiordo, davanti alle quali vediamo accatasti qualche decina di tronchi di qualche albero ad alto fusto: cosa rarissima in Islanda, dove anche solo l’apparire di un alberello è quasi un evento. 

Passiamo oltre il fiordo: sulla spiaggia che si apre davanti a noi, lasciati dalle onde, vediamo altri tronchi uguali a quelli della casa, grossi, bianchi e lisci, come arrivassero già scarnificati dal mare.
La legna arriva da largo, da chissà dove, abbandonata per giorni nelle correnti e poi, quasi per il dono di un qualche dio vichingo, si spiaggia lì, questa volta alla portata di quelle quattro casette, e un’altra volta chissà. 

Strani i capricci del dio vichingo, ma non meno della tenacia di questa gente.
Continuiamo per chilometri dopo Holmavìk, molti di sterrato. Ci fermiamo a dormire solo una volta, a Myvatn, zona solitamente turistica che però si presenta deserta e tetra, nonostante il candido vestito bianco donato dalla neve fresca.
Se a ovest il tempo era migliore - forse c’erano persino una decina di gradi - tornando ad est ci riaccolgono neve e vento.
La mattina a Myvatn, sfiorati da un bel vento e accarezzati da qualche fiocco di neve, riusciamo a fare una bella gitarella sul bordo di un vulcano con i nostri amici Koller, ritrovati quasi per caso lungo la strada.
Poi si riparte di nuovo: qualche centinaio di chilometri e arriviamo a Stöðvarfjörður, dove l’anello dell’Islanda era cominciato. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Cartoline dall'Islanda I

 Cartoline dall'Islanda II

 Cartoline dall'Islanda III

 Cartoline dall'Islanda IV 

 Cartoline dall'Islanda V

 Cartoline dall'Islanda VI

 Cartoline dall'Islanda VII 

Cartoline dall'Islanda VIII

Cartoline dall'Islanda IX

Instagram

 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information