Settimanale Anno XVIII
Numero 765 del 19 settembre 2021
tel 346 8046218

Cartoline dall'Islanda V Stampa E-mail
Scritto da DELFO POZZI e SOFIA FRESIA   
Cartoline dall'Islanda  
(Viaggio di Delfo Pozzi e Sofia Fresia)
V
Lasciando Ásgeirsstaðir

  Inizio maggio: quarto covid test negativo. Si riparte.

Davanti hai una valle, piatta, larga e acquitrinosa.
Il cielo che la ricopre varia con il correre del vento, a volte è un cielo cupo e spesso, altre leggero, alto e limpido. A volte resta fisso abbastanza a lungo da pensare che sia un cielo di comodo, un cielo di cristallo, sempre uguale a sè stesso come quello dei fondali nei teatri, altre volte invece varia veloce, passando da uno stato all’altro ogni pochi minuti, allertando i tuoi sensi, ricordandoti cose che appartengono solo ad una tua memoria primitiva, a qualche ricordo ancestrale non ancora lavato via dalla comodità degli interruttori, delle manopole, dei touch screen.
Davanti hai una valle piatta, larga, e ora ne conosci gli acquitrini, perché li hai percorsi per una settimana intera, camminando ora in strada ora fuori, mentre il cielo cambiava sopra la tua testa, davanti ai tuoi occhi, oltre, molto oltre i tuoi pensieri.
Percorri quindi la valle di Egilsstaðir in direzione della città, ma prima di entrare dentro questa, svolti a sinistra, e inizi a salire un’altra valle, sempre ampia ma non tanto quanto la prima, e più gelida. Percorri la strada a lungo. Talvolta ti fermi e osservi il cielo, le montagne intorno, la linea d’asfalto che separa netta i due lembi di neve. Puoi solo tornare indietro o andare avanti, scegli d’andare avanti.
Il gelo più intenso scema mentre la strada scende, un curvone alla volta, verso un’altra piana.
Questa volta c’è il mare in lontananza, lo vedi brillare. Ti avvicini al mare per un tratto, poi ti lanci verso destra, in una galleria scavata nella montagna. Perdi il contatto col cielo, col vento, con la neve, ma è solo un attimo. Riemergi in un’altra piana, in un’altra valle.
Vedi il mare più vicino e lo osservi. Sembra cattivo.
Seguendone con attenzione il profilo ti accorgi che il suo orizzonte non è levigato come quello dei mari a cui sei abituato: conserva invece (forse dalla notte dei tempi) alcune imperfezioni, alcuni riccioli, ricordi di onde che si infrangono ai confini del tuo sguardo.
Prosegui e superi un capo, segui la costa lungo mille rivolte, verso sud, per un buon tratto.
Passi prima un gruppo di case, poi una solitaria, alta, bianca e slanciata: il faro all’entrata del fiordo.
Di fronte, dall’altro lato del fiordo, si staglia una montagna aguzza protesa verso l’Oceano, appena vestita di neve e nuvole. Non lo sai ancora ma quello sarà il tuo orizzonte.
Ridiscendi il fiordo fiancheggiando il mare fino ad un paese allungato sulla costa, casette sparse, un’insegna luminosa, un porto con attraccata una nave (a fianco la scritta:“Varúð“).
Sei a Stöðvarfjörður.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cartoline dall'Islanda I

 Cartoline dall'Islanda II

  Cartoline dall'Islanda III

  Cartoline dall'Islanda IV

 


Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information