SETTIMANALE anno XVII
n° 756 del 13 giugno 2021
tel 346 8046218

Lettura di un'immagine: Pietà Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
LETTURA DI UN’IMMAGINE 114
Pietà
Olio su tavola, trasportato in seguito su tela (1537 – 1540)
di Rosso Fiorentino
Musée du Louvre – Parigi

Rosso Fiorentino, al secolo Giovanni Battista di Jacopo (Firenze, 1495 – Fontainbleau, 1540) dipinse questa Pietà su commissione di Anne de Montmorency, connestabile di Francesco I re di Francia. Il tema tradizionale della Pietà è interpretato con una estrema libertà stilistica; il grande artista, esponente di punta del Manierismo toscano trapiantato in Francia dove ha fondato una scuola di pittura che ha dato origine al Manierismo francese, non si preoccupa per niente di abbellire o addolcire la rappresentazione della morte di Cristo e del dolore della sua Vergine Madre, Maria di Nazareth; per Rosso la morte e il dolore non sono mai fenomeni che si possano definire “belli” anche se l’arte figurativa classica e neoclassica ha rimosso il dolore e il lutto per la perdita delle persone amate o anche solo amiche. In questa Pietà Il corpo del Cristo morto non ha niente di bello, è livido e come scarnificato, è tenuto in posizione seduta dai pochi intimi che gli stanno attorno dopo la sua deposizione. Le gambe magrissime sono leggermente piegate e il busto è tenuto dritto dal personaggio che vediamo di schiena alla sua sinistra; l’avambraccio destro è come abbandonato sulle ginocchia di Maria straziata dal dolore che allarga le braccia come se fosse in croce. Il volto di Cristo, che sembra ancora dolente, ricade esanime verso la sua sinistra con la labbra socchiuse. Una fantesca gli tiene i piedi e le gambe sollevate. Il dolore e il gesto di Maria dà un tono di tragedia a tutta la scena sacra che avviene su un fondo scuro e vuoto, salvo una striscia di rocce grigie e lontane. I colori in alto. Riguardo all’aspetto stilistico-formale, notiamo la vivacità dei colori divisi nettamente in precise campiture e lo spazio attraversato diagonalmente da un asse che parte dai piedi del Cristo morto si dirige verso l’alto, poi piega a destra e finisce alla sinistra di Maria. Intorno a questo asse diagonale, come al corpo di Cristo, si dispongono gli altri personaggi di questa scena tragica che non intende consolare ma commuovere lo spettatore.

     FULVIO SGUERSO  

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information