Renata Cuneo per Savona un patrimonio culturale

Renata Cuneo rappresenta per la città natale Savona un vero e proprio patrimonio culturale ancora in gran parte da valorizzare

Renata Cuneo rappresenta per la città natale Savona un vero e proprio patrimonio culturale
ancora in gran parte da valorizzare

 

 Mi è sempre piaciuto il concetto dell’Arcangelo Raffaele e Tobiolo, che viene salvato, mentre fa il bagno nel fiume Tigri, da un pesce che cerca di divorargli un piede. Raffaele lo incinta ad afferrarlo ed a tagliargli il cuore ed il fegato con la bile che serviranno poi contro demoni e malattie oculari. Infatti Tobiolo salverà. Sara una bellissima ragazza indemoniata facendole mangiare il cuore del pesce e poi la sposerà, e guarirà il padre Tobia, non vedente, spalmandogli il fiele sugli occhi ridandogli la vista. 

Nell’angiporto la chiesa di San Raffaele e stata molto abbellita dalle opere d’arte di una artista savonese Renata Cuneo.

Sopra la porta della chiesa fa bella mostra di sè un Bassorilievo dell’artista con l’Arcangelo Raffaele che tiene per mano Tobiolo che ha in mano il fatidico pesce catturato. 

 


 Nella chiesa tutte opere della Cuneo dal crocifisso alle lampade fatte come pesci, dall’Annunziata all’Angelo. 

Personalità vivacissima nel panorama dell’arte italiana Renata Cuneo rappresenta per la città natale Savona un vero e proprio patrimonio culturale ancora in gran parte da valorizzare. Attenta studiosa dei Maestri dell’antichità con la sua vasta produzione scultorea ha tentato un recupero nella tradizione verista delle esperienze del secolo XIX (da Gemito a Rosso) cercando di porre in rilievo quegli aspetti che potevano essere oggetto di ricerca sia nei materiali sia nella forma, come riferisce Silvia Bottaro. 

Il sottoscritto ha trovato, in un mercatino dell’antiquariato a Nizza Monferrato anni fa, il bozzetto in ceramica del bassorilievo che sta sulla porta (vedi foto)

 


 

. Un’altra opera importante della scultrice savonese è la cosiddetta “Fontana del pesce” che finalmente, e ringraziamo chi di dovere, è stata restaurata e rimessa in funzione come fontana e rappresenta la lotta tra uomo e squalo. Ancora una piccola ma rappresentativa opera è posizionata in un posto ideale, di fronte alla Torretta sulla calata, Il pescatore con la lampada.

 Che ne sarà del Museo civico Renata Cuneo??

 Renato Giusto  Medico e Presidente del Consiglio comunale

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *