Informatica Stampa
Scritto da Alessio Ganci   

Il viral-traffic ed il SEO

come fonte di pubblicità per siti web

Il SEO è noto come ottimizzazione di un sito web per i motori di ricerca, finalizzata ad ottenere visitatori interessati alla propria attività. Per ottenere il massimo dalle proprie promozioni, senza ricorrere ai pay-to-click e generalmente, alle pubblicità a pagamento, si può abbinare al SEO anche il cosiddetto traffico virale.

Tale strategia è praticamente sconosciuta tra i webmasters italiani, tuttavia si rivela una fonte inesauribile di visitatori. La filosofia del traffico virale deriva dal viral marketing: una sorta di passaparola voluto dal fornitore del servizio promosso. Una tattica che, come un virus, espande a grandi linee il consenso dei naviganti in Rete, aumentando i visitatori interessati. Abbinato al SEO, che si occupa prevalentemente della qualità di un sito web per i motori di ricerca e al SEM in caso di marketing e vendite on-line può essere una utile fonte di lettori e, perché no, anche di potenziali clienti.

         Per il viral-traffic esistono appositi networks che avviano il flusso di visite a livello internazionale. Qui verranno elencati i due networks Free Viral (http://www.freeviral.com/) e ViralTrafficDominator (http://www.viraltrafficdominator.com/). Entrambi si basano su un sistema di crediti: più crediti si hanno e più visite si ottengono, esattamente come nei networks pubblicitari di scambio visite.

Alessio Ganci

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information