I segreti di Google Stampa
Scritto da Alessio Ganci   
Google offre il motore di ricerca più utilizzato e apprezzato, offre anche innumerevoli altri servizi tuttavia...
“Spazza-Google”
Si sa che Google offre il motore di ricerca più utilizzato e apprezzato. Come si sa che offre anche innumerevoli altri servizi, tanto da essersi affermato nel web come la pagina più aperta.

Google, tuttavia, nasconde molti segreti: per esempio, se vi chiedo quali sono gli strumenti che Google utilizza per bannare un sito web dal motore di ricerca che cosa mi rispondete? I webmasters mi risponderanno che Google utilizzerebbe (in via ipotetica) un pannello di controllo accessibile da username e password. Fin qui nulla di strano, dato che è usuale per i siti web utilizzare questo sistema. Però, dove si trova questo pannello? Vi rispondo che Google mantiene segreto l’indirizzo, il quale dovrebbe essere accessibile solo tramite convalida (per esempio convalidando l’indirizzo IP). Tale pratica è spesso utilizzata in alcuni siti web. Tuttavia è evidente che Google non ha saputo fare i conti con i contatori visite dei siti web. Per la precisazione, in siti web bannati dal motore di ricerca si è scoperto che venivano visionati da Google tramite il seguente indirizzo Internet:

http://webspam.google.com/admin.php?user=googleuser&status=verified&length=364&type=ban

Esattamente, il database dei siti web bannati da Google si trova in un sotto-dominio che dovrebbe essere perlopiù sconosciuto alla maggior parte degli utenti del web: http://webspam.google.com/. La variabile lenght nell’indirizzo di ban dovrebbe riguardare l’intervallo di controllo da parte di Google sul sito web, user dovrebbe riferirsi all’utente Google attualmente collegato, mentre status potrebbe riferirsi allo stato del sito web su Google. Da qui si può dedurre che:

http://www.google.com/admin.php è il pannello principale. È evidente che, come ho avuto modo di sottolineare, i link non sono accessibili se non con determinate specifiche. Dalla scoperta del pannello di Google si giunge ad una considerazione particolarmente interessante: come si vede negli indirizzi, viene utilizzato il linguaggio PHP. Pertanto, a meno che Google non abbia volutamente camuffato un altro linguaggio con questa estensione mediante modifiche nel server (ma non ne vedrei il motivo), Google utilizza PHP esattamente come un qualsiasi altro sito basato su questo linguaggio. Ovviamente, evito accuratamente di analizzare le cosiddette “pagine senza estensione” (probabilmente delle applicazioni stile servlet o delle semplici variabili di pagine, forse in PHP, opportunamente riscritte e camuffate), poiché in questo caso, non vi sono certezze. Oltre al pannello di controllo di Google, un segreto aziendale riguarda GAIA: il sistema di autenticazione utilizzato per i cosiddetti Google Accounts. In poche parole, il sistema di autenticazione ai servizi di Google come GMail. Tale sistema è stato violato da hacker cinesi che si erano dunque intrufolati nelle caselle di posta GMail e si sono visti il famoso ultimatum “o rimuovete la censura o Google ritirerà le sue sedi dalla Cina”. L’algoritmo del motore di ricerca, infine, può essere spiegato sinteticamente: i risultati di ricerca, più che basati su un algoritmo semantico, sono organizzati a seconda della pertinenza del sito web (spesso correlata alla Google Popularity, la popolarità dettata soprattutto dai link in entrata da siti web abbastanza popolari). L’algoritmo che determina la posizione di una pagina web in Google è definito PageRank. Ad influire nella posizione ci sono anche Google Caffeine (che valuta la velocità di caricamento delle pagine web) e tanti altri fattori, che sono reperibili all’indirizzo http://www.impresapratica.com/seo/lalgoritmo-di-ranking-di-google-rivelato/ . E’ evidente che l’algoritmo esatto di Google non è reperibile, ma che comunque, non ci sono particolari segreti come si cerca di lasciar intendere.

Alessio Ganci

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information