Sei stata stuprata? Te la sei cercata Stampa
Scritto da R.T   
 Sei stata stuprata? Te la sei cercata

Secondo un rapporto dell’ISTAT il 25 per cento dei cittadini, uomini e donne, sono convinti che la violenza sia causata dal comportamento della donna.

Il 40 per cento pensa anche che in qualunque caso se si vuole si può scampare allo stupro

Il 15 per cento degli intervistati, dichiara che se una donna è ubriaca è in parte responsabile della violenza subita.

Il 10 per cento della popolazione ritiene che spesso le denunce di violenza sessuale siano false.

Il 7,2 per cento ritiene anche che il NO delle donne per un rapporto sessuale in realtà sia un SI’.

Il 17,7 per cento considera normale che un uomo controlli il cellulare o gli account social della compagna.

Questi sono solo alcuni dati raccolti dall’ ISTAT, un quadro preoccupante in cui lo stupro è  praticamente giustificato.

Dati che ci fanno capire quanta strada bisogna ancora fare per sconfiggere la violenza contro le donne. Si deve investire nella scuola e nell’educazione dei giovani.

Molti pensano che solo al sud ci sono queste convinzioni, non del tutto è vero e comunque al nord c’è il triste primato dei femminicidi.

In Italia negli ultimi 5 anni il numero di donne che hanno subìto una forma di violenza fisica o sessuale ammonta a 2 milioni 435 mila, l’11,3% delle donne dai 16 ai 70 anni. 

Quelle che hanno subìto violenza fisica sono 1 milione 517 mila (il 7%), le vittime della violenza sessuale sono 1 milione 369 mila (il 6,4%); le donne che hanno subìto stupri o tentati stupri sono 246 mila, (1,2%), di cui 136 mila stupri (0,6%) e circa 163 mila tentati stupri (0,8%).

La violenza nelle relazioni di coppia, negli ultimi 5 anni, ha riguardato il 4,9% delle donne (1 milione 19 mila), in particolare il 3% (496 mila) delle donne attualmente con un partner e il 5% (538 mila) delle donne con un ex partner. Considerando solo le donne che hanno interrotto una relazione di coppia negli ultimi 5 anni, la violenza subìta sale al 12,5%.

(DATI ISTAT)

R.T.

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information