SAVONABARCELONA Stampa
Scritto da MASSIMO BIANCO   
SAVONABARCELONA
Architettura: piccolo raffronto, a metà tra il serio e il faceto,
tra il modernismo barcellonese e il liberty savonese 
Questa settimana giochiamo un po’. Chi scrive non è certo un architetto né tanto meno un critico d’arte e può fare solo raffronti semi seri, permettetegli però di portare un po’d’acqua al mulino della sua città, la bistrattata Savona, più meritevole di quanto possa sembrare a prima vista. Pochi si rendono, ad esempio, conto che Savona è uno dei principali centri italiani del liberty, stile sviluppatasi per un breve periodo, tra fine ‘800 e primo ‘900.  Le principali località in cui si è espresso il liberty italiano sono Torino, Milano, Viareggio e poche altre, mentre però le succitate località si sono guadagnate piena considerazione, i palazzi liberty savonesi sono sistematicamente ignorati. Eppure un suo posto ben preciso nel genere Savona se lo è guadagnato.

Avrà probabilmente contribuito a questo oscuramento la cronica incapacità dell’ambiente politico e culturale locale a valorizzare le proprie ricchezze. Non mi risulta, ad esempio, che siano mai stati pubblicati testi sul liberty savonese, a eccezione di una tesi di laurea incentrata specificamente sul Palazzo dei Pavoni. Nemmeno da internet sono saltate fuori trattazioni sistematiche e meno male che il mito della rete sostiene che vi si può trovare di tutto.

Prima di approfondire l’argomento occorre però una spiegazione sul tema trattato. Cos’è dunque il cosiddetto stile Liberty o stile floreale, la cui variante sviluppatasi a Barcellona prende il nome di Modernismo mentre in Francia è noto come Art Nouveau e altrove con ulteriori denominazioni? In base a quanto sostengono trattati specialistici di arte e architettura: nell’ambiente spersonalizzato e cupo della città industriale, esso si contrappone all’imitazione stilistica degli stili passati, privilegiando nuovi elementi figurativi come la linea curva e i motivi fitoformi.

Lo stile liberty cerca di restituire una dignità estetica allo spazio urbano, una natura artificiale che si arrampica sugli edifici  e smorza la piatta uniformità della muratura circostante.

Gli esterni e gli interni non hanno contorni rettilinei, le pareti risultano stondate e finestre e balconi hanno forme variegate (vedasi ad esempio in questa immagine un particolare di un palazzo torinese.)

Quanto alle decorazioni, esse si avvalgono di materiali e tecniche disparate, dal ferro battuto, al mosaico, allo stucco scolpito.

Gli assunti su cui questo stile si basa sono dunque il rifiuto degli elementi modulari prodotti in serie e l’uso di una linea libera e sinuosa, con forme floreali e colori vivaci.

La città forse più famosa al mondo circa il Liberty è Barcellona, che a cavallo tra i due secoli vide letteralmente fiorire decine di palazzi grazie al genio del suo caposcuola, Antoni Gaudì (1852-1926), autore di riconosciute opere d’arte come lo straordinario “Park Guell”, oppure come la fantastica ed estrosa “Casa Battlò”, capolavoro assoluto di cui potete ammirare qui a sotto la facciata.

Non c’è stato però soltanto lui ad operare a Barcellona, ma anche altri brillanti architetti, come Domenech i Montaner, autore di “Casa Lleò Morera” e del “Palau de la musica Catalana” oppure come Josep Puig i Cadafalch, che costruì tra le altre “Casa Amattler” e la “Casa de Les Punxes”, che si possono ammirare lungo le strade di Barcel(l)ona; anzi di Barcelò, per dirla, anziché in lingua italiana o spagnola, in un più esatto catalano.

Pure lungo le nostre strade sorgono però numerosi benché poco considerati edifici Liberty e anche Savona, nel suo piccolo, ha un suo Gaudì. Si tratta dell’Architetto Alessandro Martinengo, nato nel 1856 e morto nel 1933, autore di numerosi edifici cittadini. Un altro architetto attivo all’epoca è stato Niccolò Campora (1861-1937). Non mettetemi però in punta di tastiera paragoni azzardati, Barcellona è e resta, grazie al suo modernismo, una delle città più belle e artisticamente significative del mondo, da tal punto di vista senza eguali. Con questo paragone intendo quindi solo sostenere come tuttavia il liberty savonese non risulti insignificante.

Permettete allora, senza alcuna pretesa, per carità, qualche piccolo, giocoso, raffronto, tra edifici modernisti di Barcellona e liberty di Savona, iniziando da quello che vi propongo oggi:

 

 

Cosa ve ne pare? Di primo acchito non mi pare così ovvio capire quale edificio sia di Barcellona e quale invece di Savona. Da notare in entrambi i palazzi la presenza di eleganti bovindi prospicienti, di colonnine, 

  

se si distingue bene appartenenti all’ordine corinzio o per lo meno ispirate al corinzio, e di balconi accuratamente disegnati, in un caso sia in muratura sia in metallo e quindi con un diverso elaborato per ciascun piano,

 

nell’altro invece con ringhiere solo in metallo. 


Io trovo entrambi gli edifici esteticamente fascinosi, voi no?

Per la cronaca, quello savonese, progettato proprio da Alessandro Martinengo, è il primo raffigurato, sia nella foto d’insieme sia nelle immagini dei singoli particolari. Lo potete trovare all’angolo tra Via Paolo Boselli e Via dei Sormano, si chiama “Palazzo Maffiotti” e chissà quante volte ci sarete passati davanti senza degnarlo di uno sguardo. Andate ad ammirarlo di persona, se lo merita tanto quanto il secondo edificio, che è appunto quello di Barcellona.

Per oggi basta così. Il resto alla prossima settimana.

Massimo Bianco

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information