Filosofia Stampa
Scritto da Fulvio Sguerso   

APPUNTI DI PRATICA FILOSOFICA (II)

“La pratica del dialogo filosofico in una 'comunità di ricerca' è connotata da una forte valenza sociale ed etico-politica; si propone come esercizio di cittadinanza attiva e responsabile e come via per dare corpo e sangue alla 'democraticità' nella sua doppia determinazione etica ed epistemologica. Così intesa, la pratica filosofica nella 'comunità di ricerca' tende a caratterizzarsi come aiuto a conquistare punti di vista 'altri' rispetto a quelli ordinari, a sviluppare confronti critici rispetto alle meta-cornici che, inglobandoci e imponendoci le loro logiche come condizioni a-priori, si rendono invisibili allo sguardo ordinario.

Se intesa in questo senso la filosofia, anche quando vorrà presentarsi come consulenza, non può promettere felicità e benessere a nessuno. L'unica cosa che può fare è curare dall'aspettativa della felicità a buon mercato, curare dal conformismo e dalla acquiescenza alle mode e alla chiacchiera “. (Antonio Cosentino, Filosofia come pratica sociale, Editore Apogeo, 2008).

 Questa idea della filosofia come “cura” non è certo nuova, basti pensare al quadrifarmaco di Epicuro come rimedio efficace ai mali che affliggono l'uomo:

1) non sono da temere gli dei, in quanto vivono la loro vita beata e non si curano di noi mortali;

2) la morte non è da temere: finché ci siamo noi lei non c'è, e quando c'è lei non ci siamo più noi;

3) il piacere, correttamente inteso, è alla portata di chiunque;

4) infine il male: se è acuto, dura poco, se invece dura a lungo, significa che è sopportabile.

Ma l'imperturbabilità degli epicurei (atarassia) assomiglia più a una fuga che a una accettazione della vita con le sue gioie e le sue pene, e una vita senza più passioni e i cui piaceri consistono nella mancanza di dolore non pare proprio, si direbbe oggi, il massimo della vita. Diverso è il discorso sui limiti e sulle possibilità, su ciò che è ragionevole e ciò che non lo è, sulle cose che dipendono da noi e su quelle che eccedono il nostro potere. Una delle funzioni della pratica filosofica è proprio quella di far riconoscere le illusioni e le false credenze su noi stessi e sul prossimo, illusioni e credenze che magari ci consolano, ma che di certo non ci aiutano a vederci e a considerarci non per quello che crediamo o vorremmo essere, ma per quello che veramente possiamo essere. E per questo non è sufficiente il senso comune: senza il pensiero critico, cioè il dubbio metodico che metta in discussione tutte le nozioni e le credenze acquisite, non ci rimarrebbe che accettare le opinioni maggioritarie nel nostro ambiente sociale, e adeguarci alla verità del più forte, non alla forza della verità. Dunque, o come pratica o come disciplina, come indagine e definizione del vero, del bello e del buono o come tentativo di chiarificazione del senso della nostra vita, sembra proprio che philosophari necesse sit. Il sorprendente e crescente successo delle occasioni in cui il grande pubblico non specializzato gremisce le sale o le piazze per ascoltare la lectio magistralis di questo o quel filosofo famoso è lì a dimostrare la perenne vitalità della febbre d'amor platonico per il sapere disinteressato, o meglio, di quel sapere che ci riguarda più da vicino in quanto esseri umani, quindi pensanti; febbre contagiosa quant'altre mai, se solo i “portatori sani” di questa mania (follia) riusciranno a comunicarla, a trasmetterla, a condividerla con chi ancora si ritiene immune o indifferente riguardo a questa specie di amore. Inoltre, questo amore per il sapere, anche per il sapere puro e assoluto, non è che non abbia le sue ricadute nella prassi, cioè nella nostra vita quotidiana e nel nostro orientamento nella storia e nel mondo: date le nubi minacciose che si addensano all'orizzonte della storia in cui ci troviamo a vivere e di cui siamo, o dovremmo essere consapevoli e sentirci responsabili; e del mondo che i maggiori pensatori contemporanei, da Heidegger, a Jonas, ad Habermas considerano a rischio di estinzione per eccesso di “razionalità” meccanica e tecnologica. La morte di Dio annunciata da Nietzsche rischia di trascinare con sé anche l'uomo: il Dio della tecnica non sembra in grado di salvarlo dall'alienazione di cui parlavano, sia pure in sensi diversi, Hegel, Feuerbach e Marx.

Eh sì, oggi più che mai c'è bisogno di febbre filosofica “per tutti”.

Fulvio Sguerso

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information