I Passi da fare per vivere meglio Stampa
Scritto da GIORGIO MENARDO da Il Letimbro   
 
I Passi da fare per vivere meglio
PILLOLE DI SALUTE di Giorgio Menardo
 Il rapporto "Passi" dell'Istituto superiore di Sanità studia gli stili di vita degli italiani: la situazione di Savona non è buona. Il 40% dei savonesi ha un peso eccessivo, il 10% è obeso. Ognuno può sapere la propria situazione calcolando il proprio Indice di massa corporea (Ime) con questa formula: peso in Kg diviso altezza in metri al quadrato. Per esempio: un uomo di 70 kg alto 168 cm dovrà fare questo calcolo 70: (1,68 x 1,68) ovvero 70: 2,82 = 24,82 questo è il suo Imc.

Fra 25 e 30 sovrappeso, oltre 30 obeso. I savonesi con eccesso di peso sono più numerosi fra coloro che hanno fra i 50 e 70 anni (38% sovrappeso, 12% obeso). Gli uomini in sovrappeso sono il doppio delle donne. La maggioranza (56%) dei savonesi sovrappeso e il 15% degli obesi ritiene il proprio peso giusto. 7 uomini sovrappeso su 10 non si rendono conto di esserlo mentre lo stesso errore è fatto da 3 donne su 10. Il sovrappeso è, prevalentemente, un problema delle fasce di popolazione svantaggiate economicamente e culturalmente. Il sottopeso riguarda solo il 2-3% della popolazione. La causa del sovrappeso è sempre dovuta al fatto che vengono introdotte con gli alimenti più calorie di quelle consumate con l 'attività fisica. Non a caso nella fascia di età dove prevale il sovrappeso e l'obesità vi è anche il maggior numero di sedentari e i più sedentari sono ancora gli uomini. Nel gruppo dei sedentari 3 su 10 fumano, 3 su 10 sono sovrappeso, 4 su 10 sono ipertesi, e 4 su 1 O depressi.


Solo il 7% dei savonesi segue una alimentazione sana con almeno 400 grammi al giorno di frutta e verdura (le famose 5 porzioni da almeno 80 grammi cinque volte al giorno). Evidentemente chi non introduce questi alimenti a contenuto calorico molto basso si sazia con cibi calorici e ingrassa. Il senso di sazietà è dato dalla distensione dello stomaco e non importa se viene disteso da volumi equivalenti di verdura o di formaggio. Sempre a proposito di sovrappeso, ma non solo, il 66% dei savonesi consuma alcol e pochi ne considerano le calorie.

Un 'Unità alcolica contiene 12 grammi di alcol, equivale a 84 calorie e corrisponde a una lattina di birra da 330 ml, o a un bicchiere di vino da 125 ml, o un aperitivo da 80 ml o un superalcolico da 40 ml. Da notare che la dose che un adulto sano può assumere senza danneggiare la propria salute è di 2 Ua al giorno se uomo e 1 Ua se donna. Differenza che non dipende solo dal peso, ma da caratteristiche diverse nel metabolismo dell'alcol. Il 22% dei savonesi consuma più delle dosi soglia quindi rischia danni alla salute. Gli uomini bevono più delle donne. I giovani fra i 18 e 34 anni sono fra i consumatori a più alto rischio: tra loro è frequente il cosiddetto Binge Drinking (consumo episodico elevato, la sbornia del sabato sera con consumo sopra le 3-4 Ua). A fare queste bevute episodiche sono prevalentemente persone con buon livello di istruzione. Per quanto riguarda il fumo metà dei savonesi non ha mai fumato, 1/4 è rappresentato da ex fumatori e 1/4 fuma. Tra i fumatori prevale il sesso maschile, ma solo del 6 %.


Come si vede i savonesi dovrebbero porre molta attenzione alla bilancia pesando regolarmente se stessi e i cibi che mangiano, oltre il 90% deve incrementare il consumo di frutta e verdura, ridurre sensibilmente l'alcol e incrementare l'attività fisica (almeno 30 minuti di passeggiata veloce ogni giorno o diecimila passi quotidiani misurabili col contapassi) e cercare di smettere di fumare.

Il sovrappeso e l'obesità favoriscono l'insorgenza di diverse malattie metaboliche, dal diabete al! 'ipertensione arteriosa, quindi a malattie di cuore anche gravi, e non ultimo di · alcuni tumori. Il peso eccessivo usura precocemente le articolazioni con conseguenti dolori necessità di farmaci, fisioterapia e talora di chirurgia protesica. Il fumo è la causa della quasi totalità dei tumori polmonari, di molti della gola e delle corde vocali, di bronchiti croniche e di malattie cardiovascolari come infarto e ictus. Smettere di fumare è, come si sa difficile, ma è possibile con la volontà e l'aiuto di centri specializzati dell'Asl, del proprio medico, di farmaci e supporti psicologici. Come evidenziato dal rapporto Passi molte cattive abitudini che minano la nostra salute derivano da mancanza di informazione. Le autorità sanitarie preposte, i medici di famiglia e il volontariato potrebbero fare molto per diffondere cultura e consapevolezza.

Giorgio Menardo da Il Letimbro

 

E’ in edicola il numero di Aprile de Il Letimbro.

Il Letimbro si trova in edicola, in molte chiese e alla libreria Paoline di via Santa Maria Maggiore o si può ricevere ogni mese in abbonamento.

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information