Una storia Zen Stampa
Scritto da Salvatore Ganci   

Una storia Zen

 un breve scritto di interesse e di riflessione
 

Yamaoka Tesshu era uno dei precettori dell’imperatore. Era anche un maestro di scherma ed un profondo studioso dello Zen.

La sua casa era il rifugio dei vagabondi. E lui aveva un solo vestito, perché quelli lo facevano restare sempre povero.

L’imperatore notando com’era consumato l’abito di Yamaoka, gli diede un po’ di denaro per comprarsene degli altri. Ma la volta successiva Yamaoka comparve con il solito vestito vecchio.

     «Che ne hai fatto degli abiti nuovi, Yamaoka? » domandò l’imperatore?

 

«Ho rivestito i figli di Vostra Maestà » spiegò Yamaoka.

 

(101 Storie Zen, a cura di Nyogen Senzaki e Paul Reps, (Adelphi, Milano, 1994 – xxv edizione)).

 

Riflettendo un momento sulla dotta Metafisica che ancora oggi fa consumare fiumi di parole nei talk shows televisivi, sul tamburo dei vai partiti politici, sul malgoverno di mezzo secolo (a mia memoria diretta) di malcostume e mala politica, spero che questa innocente e neutra storia, sappia comunicare ad ognuno qualcosa.

31 marzo 2011                              Salvatore Ganci

 

Yamaoka Tesshu
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information