Allarme anziani non autosufficienti Stampa
Scritto da ALDO PASTORE   
RIFLESSIONI SUL PRESENTE E SUL FUTURO
(Trentesima parte)

 In data 20 aprile 2018, Il quotidiano nazionale “LA STAMPA” ha pubblicato, in forma rigorosamente chiara e sintetica, la seguente serie di tabelle, che noi ci permettiamo di riproporre all’attenzione dei nostri amici lettori:

 

Che cosa dicono, a tutti noi, questi esemplari dati?

In estrema sintesi, dicono tutto questo: stiamo assistendo al verificarsi dei seguenti fatti:

 

 1) Aumento in cifra assoluta e di valore percentuale del numero degli anziani

Infatti: un italiano su cinque ha più di 65 anni così suddivisi:

6,6 milioni tra 65 ed i 74 anni

4.8 milioni tra i 75 e gli 84 anni

2 milioni tra gli 85 anni e oltre

 

 2) Aumento degli anni di vita di ogni singolo anziano

In effetti: la speranza di vita è così salita:

Uomini: 80,6 anni (più 0,8 anni rispetto all’anno 2013)

Donne: 84,9 anni (più 0,3 anni rispetto all’anno 2013)

 

 3) Aumento della plurimorbilità (e, cioè, della coesistenza di più malattie nello stesso individuo) e quindi aumento della non autosufficienza psicosomatica.

 

Non a caso lo studio di osservazione prevede che nel 2028 in Italia avremo:

un totale di 6,3 milioni di persone non autosufficienti,

così suddivise:

4,7 milioni con problemi di autonomia

1,6 milioni non in grado di prendersi cura di sé stessi.

 

Dobbiamo aggiungere, a questo punto, che noi condividiamo, per intero, gli altri dati statistici riportati dal quotidiano “LA STAMPA” e, soprattutto, ci troviamo in sintonia con la breve annotazione introduttiva all’articolo allegato, a firma di Flavia Amabile; di conseguenza, ci permettiamo di citare le sue iniziali parole: 

 

“Si invecchia di più ma si invecchia peggio. In questa Italia dove la vita dei giovani è tutta in salita, anche quella degli anziani non è affatto semplice. Vivono in uno dei Paesi più longevi al mondo, dove l’aspettativa di vita è di nuovo in aumento dopo il calo di due anni fa ma sono in crescita anche i problemi e le difficoltà di chi ha più di 65 anni, in particolare di chi abita al Sud.”

 

 

Ed allora, giunti a questo punto, noi ci permettiamo di segnalare ai nostri amici lettori, ma anche a coloro che sono veramente interessati ai problemi della non autosufficienza socio-economica di molti nostri anziani queste brevi annotazioni di Aldo, dotate 23 luglio 2009:

 

 4) AUMENTO DELLA NON – AUTOSUFFICIENZA FAMILIARE

Pensiamo, al riguardo, che soprattutto in Liguria, la “famiglia media” è composta da 2,1 individui, rispetto al dato nazionale di 2,6 soggetti; occorre, inoltre, considerare che, in una percentuale consistente di casi, la famiglia è costituita soltanto da due anziani (marito e moglie); infine, va segnalato il fatto che è significativa la percentuale di anziani (soprattutto, donne) che vivono in condizioni di assoluta solitudine.

 


 5) AUMENTO DELLA NON-AUTOSUFFICIENZA ECONOMICA

Senza citare dati, è noto, in proposito, che molti anziani “stentano ad andare avanti”, per l’esiguità della loro consistenza pensionistica.

 

 6) AUMENTO DELLA NON - AUTOSUFFICIENZA SOCIALE:

Sempre più frequentementetroviamo anziani soli, privi di collegamento con i vicini di casa, con gli abitanti dello stesso quartiere o, addirittura, lasciati fuori dalle attività ricreative e culturali che dovrebbero avere, al contrario, una dimensione collettiva ed una funzione coinvolgente.

Di fronte a queste drammatiche situazioni (sanitarie, economiche, sociali e culturali) dobbiamo, tutti, sentire il dovere di recuperare o (meglio) di ricreare servizi di assistenza sociosanitaria, rivolti verso le famiglie e gli anziani, lasciati solo nel vortice micidiale di questo nostro satanico modo di vivere.

Dedicheremo a questo argomento, la prossima puntata di questa pubblicazione


 22 Aprile 2018                 ALDO PASTORE

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information