Il pianeta terra e l'atmosfera... Stampa
Scritto da ALDO PASTORE   
Aldo Pastore
RIFLESSIONI SUL PRESENTE E SUL FUTURO
 (Dodicesima parte)

Abbiamo affermato, nell’undicesima parte di questa pubblicazione, che ora ed in futuro, assisteremo, sul nostro pianeta Terra ad una intensificazione del ciclo idrologico.

In altri termini, andremo incontro ai seguenti fenomeni di eccezionale importanza:

 - Diminuzione del numero delle piogge e di conseguenza ad un aumento della distanza di tempo fa un evento piovoso e l’altro

Ma, parallelamente ad un

 - aumento del carattere alluvionale delle singole piogge

 (A causa di una maggiore quantità di acqua presente in atmosfera, in ogni evento piovoso)

 - Aumento dei fenomeni di siccità tra un evento piovoso e l’altro (con conseguente diminuzione della portata idrica di sorgenti, ruscelli, torrenti, fiumi e laghi)

 

Tuttavia, per chiarire meglio il complesso processo della nascita e della successiva intensificazione dell’evento idrologico, abbiamo ritenuto opportuno affrontare questo argomento con la dovuta serietà e con la conseguente documentazione scientifica.

Procederemo, pertanto, alla pubblicazione di tre successivi articoli (come già comunicato al termine dell’articolo della scorsa settimana).

 Incominciamo, oggi, dalla preistoria e dalla nascita dei primi abitanti sul pianeta terra; pertanto il titolo del primo articolo è il seguente:

  IL PIANETA TERRA E L’ATMOSFERA CHE LO CIRCONDA

SECONDO LE REGOLE DETTATE DALLA NATURA

- LA TERRA, rispetto all’immensità dell’intero universo, non è che una PICCOLA SFERA separata dal sole e dagli altri pianeti, da straordinarie distanze; tuttavia, essa è un corpo celeste assolutamente unico (almeno secondo le attuali conoscenze), perché dotata di acqua allo stato liquido e perché in essa può svilupparsi LA VITA.

 - Questo miracolo è dovuto al fatto che LA TEMPERATURA SUPERFICIALE MEDIA DELLA TERRA È DI CIRCA 14 GRADI CELSIUS, cioè è molto elevata rispetto a quella esistente negli SPAZI INTERPLANETARI, CHE OSCILLA ATTORNO AI MENO 273 GRADI CELSIUS.

-  IL NOSTRO PIANETA DEVE QUESTA SUA ECCEZIONALE CONDIZIONE TERMICA AL FATTO CHE ESSO È CIRCONDATO DA UN SOTTILE INVOLUCRO GASSOSO, CHIAMATO APPUNTO: “ATMOSFERA.”

- ESSA HA UNO SPESSORE DI CIRCA 100 CHILOMETRI, anche se qualsiasi limite esterno deve considerarsi opinabile, in quanto essa si dissolve gradatamente nello SPAZIO.

- L'aria che compone l'ATMOSFERA pesa, all'incirca, 5 MILIONI DI MILIARDI DI TONNELLATE, equivalenti a circa lo 0,0003 del PESO DEGLI OCEANI.

- L'ATMOSFERA SI COMPONE DI CENTINAIA DI GAS, ma i due, di gran lunga prevalenti, sono: l'AZOTO (78 per cento) e l'OSSIGENO (21 per cento); il restante 1 % è costituito DA ALTRI GAS A BASSA CONCENTRAZIONE (definiti: GAS-TRACCIA).

- La complessiva concentrazione dei gas si riduce passando dal livello del mare alla TROPOSFERA (e cioè sino a circa 10 chilometri di altezza) e, poi, alla STRATOSFERA (oscillante fra i 10 ed i 40 chilometri di altezza).

 Vediamo, ora, attraverso quali meccanismi, I GAS DELL'ATMOSFERA DIVENTANO DETERMINANTI NEL CONTROLLO DEL CLIMA TERRESTRE:

- LA TERRA RICEVE CONTINUAMENTE DAL SOLE ENERGIA, sotto forma di RADIAZIONE ELETTROMAGNETICA DI DIVERSA LUNGHEZZA D'ONDA, da quella ULTRAVIOLETTA (con lunghezza d'onda "PIÙ CORTA") seguita dalla RADIAZIONE VISIBILE PER L'OCCHIO UMANO (PRIMA BLEU, POI VERDE, ARANCIONE, ROSSA), fino alla PARTE INFRAROSSA (con lunghezza d'onda ancora maggiore).

- LA RADIAZIONE SOLARE ATTRAVERSA I GAS DELL'ATMOSFERA E VIENE ASSORBITA DALLA SUPERFICIE DELLA TERRA, CHE, COSÌ, SI RISCALDA.

- LA SUPERFICIE DELLA TERRA (come quella di qualsiasi altro corpo caldo) EMETTE ANCH'ESSA ENERGIA, SOTTO FORMA DI RADIAZIONE INFRAROSSA (CON LUNGHEZZA D'ONDA LUNGA).

- TALE ENERGIA ATTRAVERSA L'ATMOSFERA E VIENE IRRAGGIATA IN TUTTE LE DIREZIONI, VERSO I FREDDISSIMI SPAZI INTERPLANETARI.

- LA MERAVIGLIA risiede nel fatto che I GAS DELL’ ATMOSFERA LASCIANO PASSARE L'ENERGIA, INVIATA DAL SOLE, E QUELLA RE-IRRAGGIATA DALLA TERRA VERSO LO SPAZIO, sostanzialmente NELLA STESSA QUANTITÀ ED IN MODO DA CONSERVARE LA TEMPERATURA MEDIA DELLA TERRA INTORNO AI 14 GRADI CELSIUS.

Questo fantastico meccanismo termoregolatore del nostro Pianeta (determinante per la dotazione d'acqua è condizione essenziale per la vita sopra la superficie della TERRA) è, tuttavia, assai delicato e fragile ed è, in ogni caso, CONDIZIONATO DALLE COMPONENTI FISICHE E DALLA COMPOSIZIONE CHIMICA DELL’ALONE ATMOSFERICO e, (soprattutto) dal SOMMO EQUILIBRIO CHE DEVE COESISTERE TRA  LE DIVERSE IDENTITÀ GASSOSE, IN ESSO PRESENTI.

È, infatti, SUFFICIENTE UNA MINIMA MODIFICA DELLE CONCENTRAZIONI DI QUESTI GAS  PER DETERMINARE UN SIGNIFICATIVO CAMBIAMENTO DELLE CONDIZIONI CLIMATICHE TERRESTRI.

Purtroppo, il modo di produrre e di consumare degli Esseri Umani sta alterando questo meraviglioso meccanismo termoregolatore.

Di conseguenza, dedichiamo LA SECONDA PARTE DI QUESTA DISCUSSIONE AL SEGUENTE ARGOMENTO:

CAUSE INDUCENTI ALTERAZIONE DELL’ATMOSFERA

   ALDO PASTORE

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information