Oltre il muro dell'io Stampa
Scritto da ALDO PASTORE   
Aldo Pastore
IL VOLTO DELLA MEMORIA
(Centosettesima parte)

In data 7 APRILE 2017, è stata celebrata, in molte Nazioni LA GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE.

L’Italia non è certamente sfuggita agli impegni che le competono; addirittura, questa ricorrenza è diventata l’occasione per discutere sui problemi complessivi del nostro sistema sanitario; ma, in particolare, alcuni nostri amici lettori sono rimasti impressionati da questa comunicazione dell’organizzazione mondiale della sanità (datata ottobre 2016) che, interamente desideriamo ripubblicare:

“La depressione colpisce persone di tutte le età, di tutti i ceti sociali e in tutti i paesi.


Essa provoca angoscia mentale e impatta sulla capacità delle persone di svolgere anche le più semplici attività quotidiane, a volte con conseguenze devastanti per i rapporti con la famiglia e gli amici e la possibilità di guadagnarsi da vivere. Nel peggiore dei casi, la depressione può portare al suicidio, oggi la seconda causa di morte tra i 15 e i 29 anni.

Nel mondo, i soggetti, affetti da depressione, sarebbero 322 milioni.

Negli ultimi anni, c’è stato un aumento mondiale di disturbi psichiatrici dal 18,4 per cento.

Solo la metà delle persone colpite (e solo nei paesi relativamente benestanti) ha accesso ad un qualche tipo di cura.

Qual’è la sorpresa? Che non sono in ricchi a piangere ma i poveri: la maggior parte delle persone, che soffrono di disturbi psichiatrici e di depressione, provengono dalle fasce deboli.

 E’ necessario, dunque, aumentare le possibilità di prevenzione, investendo nei servizi e nella cura.

 In questo ampio contesto mondiale, l’Italia non può certamente sfuggire a questa drammatica situazione.

La Società italiana di psichiatria stima che, in Italia, il 12,5 per cento della popolazione soffre di depressione (7,5 milioni di persone la cifra assoluta).

Ma i guai dell’Italia, in tema di assistenza psichiatrica, non si fermano a questo punto:

Infatti, dal 1978 ad oggi, abbiamo assistito giustamente (e con profonda soddisfazione) alla chiusura dei manicomi e, successivamente, degli  OPG (Ospedali Psichiatrici Giudiziari); ma troviamo davanti a noi una profonda carenza di strutture alternative.

È sufficiente leggere, in proposito, il servizio giornalistico di PAOLO RUSSO (quotidiano LA STAMPA del giorno 8 febbraio 2017) per comprendere la gravità del problema che noi tutti, cittadini italiani, dobbiamo oggi affrontare:

“Un po’ per carenza di risorse, un po’ per l’opposizione di tanti sindaci, i posti nelle REMS (residenze per l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria) sono insufficienti.

Così tanti ex - internati sono finiti abbandonati a loro stessi, ai domiciliari o alloggiati in comunità terapeutiche non attrezzate per il disagio mentale.”

Di fronte a queste drammatiche situazioni, abbiamo sentito il dovere di rivolgerci al VOLTO DALLA MEMORIA di ALDO PASTORE, primo firmatario della proposta di legge n° 940 del 30 novembre 1983 (che individuava, appunto, alle strutture alternative ai servizi manicomiali, con relative possibilità di copertura finanziaria) e di un suo successivo Articolo (datato 17 novembre 2011) così intitolato:

OLTRE IL MURO DELL' IO
Per una pratica terapeutica che ristabilisca i canali tra paziente e mondo

E’ ricomparso, in questi giorni, nelle nostre librerie, il magistrale Saggio di Norbert Elias, avente per titolo: “OLTRE IL MURO DELL’IO – SOCIOLOGIA E PSICHIATRIA”.

Ho utilizzato il termine”ricomparso”, perché questa Pubblicazione risale al 1965 e venne stampata, per la prima volta, nel 1969.

   
Franco Basaglia e Norbert Elias

In quegli anni, apparentemente lontani da noi, Elias introdusse il Tema della necessità della CONSIDERAZIONE INTERDISCIPLINARE DELLA FOLLIA.

Siamo nel periodo che ha preceduto di poco le memorabili battaglie di Franco Basaglia, il quale ha avuto il grande merito di infondere, nelle nostre menti, questo fondamentale concetto:

“IL PROBLEMA DELLA MALATTIA MENTALE RIMARRA’ INSOLUTO FINCHE’ NON VERRA’ RICONOSCIUTA E AFFERMATA PER TUTTI, MALATI E SANI, LA DIGNITA’ CHE SPETTA, SEMPLICEMENTE, A UN UOMO.”

Franco Basaglia e, prima di Lui, Norbert Elias hanno insegnato, dunque, a tutti noi, il CONCETTO DI INTERDISCIPLINARITA’;  mai come oggi, nella preoccupante situazione nella quale si trova la nostra Sanità, possiamo toccare con mano quanto è costato (anche in termini economici) il DIVARIO CHE SI E’ VOLUTO CREARE TRA SCIENTIA ED HUMANITAS, TRA PROBLEMI SANITARI E PROBLEMI SOCIALI.

Eppure già in quegli anni (e nel saggio che mi sono permesso di citare) Elias evidenziava i danni che sopraggiungono al Malato di Mente (HOMO PSYCHIATRICUS)  dalla divaricazione che si è voluto e si vuole tuttora creare tra ciò che avviene “DENTRO” e quello che si verifica “FUORI” dell’individuo.

Sempre più frequentemente abbiamo a che fare con Persone Umane, le quali, oggi, in contrapposizione agli insegnamenti sopra citati, vengono considerate, analizzate e curate a prescindere dalle caratteristiche che provengono loro dall’Ambiente, dai loro problemi lavorativi, dalla cerchia dei loro affetti.

In sintesi: l’individuo viene visto ed analizzato in un “SISTEMA CHIUSO”, privo di relazioni con l’esterno.

Ed i risultati, in termini concreti (e, quindi, anche di costi finanziari) sono sotto gli occhi di tutti:

 - L’ O.M.S. (ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’) ha recentemente evidenziato che la depressione psichica sta diventando la seconda causa di disabilità umana e che, verosimilmente, assisteremo, molto presto, al sorpasso delle malattie psichiche su quelle fisiche;

- In Italia (secondo l’EURISPES) sono oltre quattro milioni i soggetti in trattamento psichiatrico e sono calcolati in 10 miliardi all’anno (nero incluso) le somme che si spendono per consulenze psicologiche e psichiatriche.

Ma, da che cosa dipende, in termini strutturali ed organizzativi, il Distacco tra l’Ammalato e l’Ambiente che lo circonda?

La risposta a  questo quesito è, ancora una volta, molto semplice:

MANCANO O SONO PALESEMENTE INADEGUATI I SERVIZI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI

 
Mi permetto di aggiungere, in proposito, che, sotto la spinta del basilare insegnamento di Elias e di Basaglia, già negli Anni ’70 ed ’80 del Secolo scorso, mi ero impegnato (ovviamente in stretta collaborazione con Esperti del Settore), in Sede Parlamentare, per dotare il nostro Sistema di Servizi territoriali alternativi all’ospedale psichiatrico.

Questi Servizi avevano il compito fondamentale di introdurre Canali di Connessione  e di Comunicazione tra Psichiatria  e Sociologia e, di conseguenza, modalità di dialogo del malato con il mondo che lo circonda.

 Significativa mi pare, al riguardo, la seguente  PROPOSTA DI LEGGE da me presentata (come Primo Firmatario), assieme ad altri stimati colleghi nell’ormai lontano 30 novembre 1983: 

L’Articolo 3 di questa proposta presentava, nello specifico, le norme, a lato, riportate:

La Spesa necessaria per ottenere, nel presente e nel futuro, questi fondamentali Servizi e per sostenere (anche finanziariamente) l’ammalato di mente andava e va, a mio modo di vedere, tuttora coperta attraverso i ricavi ottenuti dalla vendita delle strutture edilizie manicomiali o ad esse collegate (come, ad esempio, parchi e giardini annessi).

Ora, carissimi amici, tutto questo non è avvenuto e, verosimilmente, mai avverrà!

Stiamo attualmente pagando il conto della dissennata politica condotta nell’intero Settore Sanitario e non soltanto nel contesto dell’Assistenza Psichiatrica.

E, vedo, ancora una volta, di elencare, in estrema sintesi, le  vere ed autentiche CAUSE DELL’ATTUALE DISSESTO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SITUAZIONE ESISTENTE NELLA NOSTRA REGIONE LIGURIA:

1) Con l’avvio della Legge di Riforma Sanitaria del 1978, sono stati, di fatto, soppressi o sono stati radicalmente ridimensionati i Servizi Socio-Sanitari Territoriali, perché non si sono volutamente costituite le Unità Socio-Sanitarie e locali, vale a dire la coesistenza e la simbiosi tra intervento socio-assistenziale ed intervento sanitario; di conseguenza, sono state smembrate le equipes socio-sanitarie territoriali pre-esistenti ed i servizi ad esse collegati.

In altri termini: si è scelta una strategia operativa esattamente all’opposto di quella, invece, consigliabile; siano altresì agli antipodi rispetto ai magistrali insegnamenti di Elias e di Basaglia

2) Non esiste né la CULTURA, né una STRATEGIA OPERATIVA per affrontare adeguatamente il TEMA DELLA CRONICITA’  (nei suoi molteplici e variegati aspetti) sta, vieppiù, aumentando, nella nostra Regione:

- IL NUMERO DEGLI ANZIANI

- IL NUMERO DEGLI ANNI DI VITA DI OGNI SINGOLO ANZIANO

- LA PLURIMORBILITA’ (vale a dire: la coesistenza, nella stessa persona, di PIU’ MALATTIE)

- IL NUMERO DEGLI PSICOPATICI, SPECIE TRA I GIOVANI, DAI DISTURBI DELL’ALIMENTAZIONE  (BULIMIA e, soprattutto, ANORESSIA) ALLA DEPRESSIONE, ALLE COSIDDETTE FRATTURE PSICHICHE

- IL NUMERO DEI DISABILI MOTORI (specie, in conseguenza di Incidenti Stradali)

Di fronte a questi consistenti e crescenti bisogni, ci troviamo di fronte a:

- SCOMPARSA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

- VENDITA E CONSEGUENTE PRIVATIZZAZIONE DI UN NUMERO CONSISTENTE DI STRUTTURE DESTINATE AGLI AMMALATI CRONICI (R.S.A. e R.P.)

- MANCATO ADEGUAMENTO DEI LIVELLI PENSIONISTICI ALLE ESIGENZE DI UNA DIGNITOSA ESISTENZA.

3) LA MEDICINA DI BASE TERRITORIALE E’ STATA ABBANDONATA AL PROPRIO DESTINO ed è stata, quindi, ISOLATA, avendo, essa perso gli indispensabili contatti non solo con i Servizi Socio-Assistenziali, ma anche con i Servizi Ospedalieri;

4) GLI OSPEDALI (E LE DIVISIONI OSPEDALIERE) sono aumentati di numero, ma sono diventati STRUTTURE A SE’ STANTI, avulse dal Contesto Istituzionale; per di più, essi, molto spesso, stanno diventando CENTRI DI INTERESSI e, quindi, di contrasti di basso profilo e quasi esclusivamente localistici;

5) Lo smembramento, sopra descritto, ha portato, come logica conseguenza, ad un ABNORME AUMENTO DELLA RICHIESTA E DELL’EFFETTUAZIONE DI ESAMI SPECIALISTICI, DI ECCESSIVI RICORSI AI SERVIZI DI PRONTO-SOCCORSO OSPEDALIERI, e, soprattutto, DI RICOVERI  OSPEDALIERI IMPROPRI;

6) Lo stravolgimento, sopra descritto, ha condotto ad un INNATURALE ED ILLOGICO INCREMENTO DELLA SPESA SANITARIA.

Giunti a questo punto, dovremmo porci la seguente domanda:

E’ possibile risalire la china?

E’ possibile giungere ad un SISTEMA  SOCIO-SANITARIO COERENTE CON IL PROGRESSO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO E, NEL CONTEMPO, CON LE ESIGENZE DI UNA VITA DIGNITOSA DI TUTTI I CITTADINI?

Personalmente, rispondo SI’, ma con le dovute riserve; voglio essere, ancora una volta, fiducioso ed ottimista ed allora, ripropongo quanto già avevo scritto nell’Aprile 2004 (testo: SCIENZA E UTOPIA pagine 130-131)

“Occorre trasferire il baricentro della sanità dall’ospedale al territorio.

E’, infatti, soltanto a livello territoriale che si può fare, contemporaneamente, prevenzione, cura e riabilitazione.

L’ospedale, in avvenire, dovrà diventare una struttura altamente specializzata sul piano tecnologico scientifico, dove dovrà essere curata e riabilitata soltanto quella parte di cittadini che non potrà essere razionalmente trattata a livello territoriale.

Allo stesso tempo, la “sanità ”dovrà guardare razionalmente al futuro, cercando di infondere in tutti gli operatori (e nei medici, in particolare) tutte le conoscenze scientifiche e tecnologiche, che potranno nascere in avvenire, al fine di garantire, nei limiti di ogni possibilità, la “salute” dei cittadini.

La medicina del futuro sarà, infatti, una “medicina predittiva”, centrata sull’individuo, ed, in questa prospettiva, la conoscenza della genomica assumerà un’importanza  decisiva per il medico del futuro.

In altri termini, in avvenire, l’umanità avrà bisogno di una sanità a “double face”, l’una rivolta al passato, l’altra al futuro; solo in questo contesto e soltanto attraverso la realizzazione di un tale futuribile progetto, la professione medica potrà  essere rivalutata e ricuperare quel  significato etico-scientifico, che, oggi, purtroppo sta scomparendo.”

17 Novembre  2011     Aldo Pastore

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information