La politica idrica del futuro Stampa
Scritto da ALDO PASTORE   
Aldo Pastore
IL VOLTO DELLA MEMORIA
Sessantaquattresima parte
 Sabato 19 marzo il WWF organizzerà, in tutto il Mondo, un grande evento che porterà il nome “ORA DELLA TERRA”; a questo straordinario avvenimento sono invitati I CITTADINI DEL MONDO e con essi, GOVERNI ED ISTITUZIONI, al fine di porre rimedio AI PROFONDI MUTAMENTI CLIMATICI CHE CI ATTENDONO NEL PROSSIMO FUTURO.

 Limitando, per ragioni di spazio la NOSTRA ATTENZIONE UNICAMENTE ALL’ITALIA, siamo venuti a conoscenza di questa prossima SITUAZIONE:

È previsto un aumento dal 30 all’80% di periodi aridi in Toscana, Calabria, Sardegna, Veneto e arco alpino. Nello scenario più pessimistico, che vede nel 2100 i gas climalteranti di 4-5volte più alti dell’era preindustriale, i

modelli indicano un aumento delle temperature medie fino a 6 gradi, mentre le precipitazioni diminuiranno del 20-30 per cento.

 Anche per questa fondamentale ragione, i nostri Amici Lettori ci hanno invitato a riproporre alla Pubblica Attenzione l’articolo di ALDO PASTORE (inserito nella PUBBLICAZIONE: IL DRAMMA ACQUA NEL MONDO) portante LA DATA DEL 26 OTTOBRE 2007 così INTITOLATO:

LA POLITICA IDRICA DEL FUTURO


William Ruddiman, nella Parte Conclusiva del suo recente e pregevole Testo "L'Aratro, La Peste, il Petrolio (Università Bocconi Editore)", giunge ad affermare:

Mi chiedo quale sarà, a lungo andare, la disponibilità di Acqua.Oggi, molte Regioni sono vicine ai loro limiti naturali di utilizzazione dell' ACQUA DOLCE, specie di quella POTABILE (o li hanno già superati).La mia preoccupazione, riguardo a questi doni della Terra è semplice: quando queste risorse saranno divenute scarse o si saranno esaurite, come faremo a sostituirle, senza dover sostenere costi esorbitanti?

Come molti pensionati, guardo alla vita dei miei nipoti.

Ho l'impressione che quando essi raggiungeranno la "vecchiaia", verso il 2075, sarà ormai chiaro a tutti che alcuni dei doni elargiti "gratuitamente" dalla Natura non erano risorse illimitate.

E ho l' impressione che allora la generazione dei miei nipoti guarderà alla fine dell' Ottocento e alla prima parte del Novecento come a un breve interludio felice, a un' epoca in cui poche generazioni fortunate consumarono la maggior parte di questi doni preziosi, senza rendersi ben conto di che cosa stessero facendo."

Ci troviamo di fronte ad una visione pessimistica, ma concretamente realistica, di uno tra i più grandi paleoclimatologi viventi; la conclusione, alla quale Egli giunge, rappresenta, a suo modo di vedere, l'esito definitivo dell' influenza delle attività umane sul clima della Terra e, di conseguenza, anche sul fondamentale Bene-Acqua.

Tuttavia, io mi permetto di dissentire parzialmente da queste affermazioni; penso, cioè (in armonia con la logica positivista di Julian Simon) che l'Uomo del Futuro, con la sua naturale inventiva ed attraverso l'uso corretto della Scienza e delle Tecnologie, potrà essere in condizione di rispettare la Natura e, con essa, quel grande dono rappresentato dall' Acqua e potrà, in ultima istanza, ridurre l'impatto ambientale e, contemporaneamente, soddisfare i propri bisogni esistenziali.

 Ma, come ho già avuto modo di scrivere in passato, non sarà facile, nè agevole raggiungere questo ottimale risultato; a monte (e, cioè, preliminarmente) dovranno essere abbattute numerose barriere (di classe, di nazione e di razza, in particolare), ma,  soprattutto, dovranno modificarsi le regole economiche planetarie ed il modo di produrre e di consumare (e, quindi, di esistere) dell'Uomo stesso.

In termini concreti, dunque, già oggi, dobbiamo sentire il dovere di avere una visione globale dei problemi dell' Uomo e dell' Ambiente (in cui Egli vive ed opera) e, contestualmente, incominciare ad agire, a livello locale, per dare inizio a questo indispensabile  sovvertimento esistenziale e comportamentale.

- Nascono, da questi presupposti etici ed ideali, le PROPOSTE, che, ancora una volta, desidero avanzare per una POLITICA IDRICA DEL FUTURO  e che sottopongo, in sintetico riepilogo finale, alla cortese attenzione degli affezionati lettori di "Trucioli Savonesi".


 1) RIPRISTINARE IL NATURALE EQUILIBRIO TRA ATMOSFERA E PATRIMONIO IDRICO, avendo consapevolezza che tale equilibrio è, a sua volta, decisivo sul divenire del CLIMA TERRESTRE.

Per raggiungere questo obiettivo, apparentemente semplice, ma assai complesso sul piano delle scelte operative, occorre andare ben oltre ai parametri, previsti dall' Accordo di Kyoto; in termini concreti, è necessario apportare consistenti tagli alle emissioni dei gas ad Effetto- Serra.

E' evidente che una tale strategia potrebbe condurre ad ottenere i seguenti Risultati:

 - Attenuare il surriscaldamento del Pianeta;

 - Limitare o, addirittura, annullare lo scioglimento dei ghiacciai e dei nevai;

 - Impedire l' elevazione del livello altimetrico degli oceani e dei mari e, di conseguenza, l' erosione delle coste marine;

 - Contrastare efficacemente l' impoverimento delle falde idriche, superficiali e profonde.

 

2) RICUPERARE UN RAZIONALE RAPPORTO TRA NATURA ED UOMO PLANETARIO, finalizzato a:

 - Conservare gli habitat naturali, che non debbono essere manomessi, per interessi puramente economici.
L' esperienza, maturata in questi anni, dimostra che, a seguito delle alterazioni fisiche intervenute sui corsi fluviali ed a causa dell' inquinamento delle acque, siamo, ormai, pervenuti ad una preoccupante diminuzione della biodiversità della flora e della fauna;
 
 - Sviluppare l' attività di rinaturalizzazione dei suoli, seguendo, tuttavia, le vocazioni del territorio.
   Per raggiungere questo obiettivo è, dunque, necessario:

 - la conversione a colture agricole meno idro-esigenti;

 - l' innovazione scientifica in tema di tecniche irrigue;

 - l' ammodernamento tecnologico degli impianti idrici per uso agricolo;

 - l'imposizione di vincoli e disincentivi nell' utilizzo di sostanze chimiche fertilizzanti, le quali comportano (come è universalmente  dimostrato) un abnorme apporto idrico quantitativo.

 - Ripristinare una seria politica di salvaguardia dei bacini montani, delle foreste, dei boschi e, più in generale, del verde, onde consentire che l' afflusso delle acque possa seguire il corso dettato dalla Natura e non imposto dalla mano dell' Uomo.

 

3) RIPRISTINARE UN CORRETTO RAPPORTO TRA ACQUA  ED UOMO PLANETARIO In questo  contesto, è necessario: - Innovare nei sistemi di captazione delle ACQUE DI SORGENTE, sostituendo all' attuale metodo demoscopico (rapportato, cioè, unicamente alla quantità di territorio e di popolazione da servire) il Metodo dei Piani di Bacino (che consentono corretti bilanci idrologici, armonici con l'ambiente);

- Impedire la manipolazione degli alvei e delle sponde dei Corsi d' Acqua Superficiali, attualmente soggetti ad una irrazionale politica di cementificazione e di asfaltizzazione o,  comunque, di eccessiva antropizzazione;

-  Ridurre il sovra-sfruttamento idrico; è ormai evidente che i prelievi d'acqua superano, in molte zone del Pianeta, le capacità di ricostruzione delle riserve sotterranee e quelle di apporto dei corsi d' acqua superficiali.

 

4) GARANTIRE  A TUTTI I POPOLI DEL GLOBO L' ACCESSO ALL' ACQUA ED, IN PARTICOLARE , A QUELLA POTABILE Per raggiungere questo obiettivo  è necessaria una INNOVATIVA POLITICA URBANISTICA delle città (e delle grandi Metropoli, in particolare) che conduca alla realizzazione dei seguenti progetti attuativi:- Costruire idonee Reti Idriche e Provvedere, altresì, al loro periodico e sistematico controllo, al fine di eliminare l' attuale disastroso e, quindi, demenziale spreco idrico;- Creare idonei Impianti di Depurazione delle Acque di Scarico ed ideare altre soluzioni urbanistiche (ad esempio: la Doppia Rete Idrica), finalizzate al riutilizzo delle Acque Depurate, al fine di Riciclarle per scopi agricoli, industriali e domestici;- Favorire la nascita ed il potenziamento degli Impianti di Dissalazione delle Acque Marine;- Installare apparecchiature domestiche a basso consumo ed, inoltre, agire sui comportamenti individuali delle famiglie, anche attraverso idonee attività promozionali ed informative.

Concludo, infine, questo mio scritto, augurando, a tutti noi, che le idee fondamentali del "Manifesto  dell' Acqua" (riportate nella Prima Puntata di questa Dissertazione sul "Dramma Acqua nel Mondo")  possano trovare concreta attuazione nell' intero nostro mondo Planetario; mi sembra, tuttavia, doveroso insistere, ancora una volta, sul fondamentale Principio dell' "Acqua intesa come Bene Comune e, come tale, Patrimonio dell' Umanità" e non come "Merce", sottoposta alle regole incerte e, spesso, inique del cosiddetto "Libero Mercato"; quanto sta avvenendo, in tema  di privatizzazione del "Bene Acqua",  in molte parti del Mondo, compresa la nostra Italia, ci deve preoccupare; a mio modo di vedere, occorre cambiare strada perchè, citando Bruno Arpaia, "di questo passo, finiremo per annegare nel nostro futuro, quasi ciechi e con la gola riarsa, mentre tenteremo di nuotare in un bicchiere d' acqua".

 26 OTTOBRE   2007    ALDO PASTORE

 Alleghiamo all’articolo di Aldo IL MANIFESTO DELL’ACQUA, elaborato, nel 1998, da un comitato internazionale, diretto dall’ex presidente del Portogallo MARIO SOARES

Questo documento si fonda su quattro idee fondamentali, che integralmente riporto:

1. L’ Acqua, in quanto fonte insostituibile di vita, deve essere considerata un Bene Comune e, come tale, Patrimonio dell’ Umanità e degli altri organismi viventi.

2. L’ accesso all’ Acqua (ed, in particolare a quella potabile) è un DIRITTO UMANO E SOCIALE imprescrittibile ed, in quanto tale, esso deve essere garantito a tutti gli esseri umani, indipendentemente dalla razza, dall’ età, dal sesso, dalla classe sociale, dal reddito, dalla nazionalità, dalla religione e dalla disponibilità locale di acqua dolce.

3. La copertura finanziaria dei costi necessari per garantire l’accesso effettivo di tutti gli esseri umani all’ Acqua, nella quantità e qualità sufficienti alla vita, deve essere a carico della collettività, secondo le regole da essa fissate, normalmente attraverso la fiscalità ed altre fonti di reddito pubblico. La stessa regola vale per la gestione dei servizi d’ acqua (pompaggio, distribuzione e trattamento).

4. La gestione della proprietà e dei servizi  è una questione di DEMOCRAZIA. In quanto tale, essa è fondamentalmente un problema riguardante i cittadini e non soltanto i distributori ed i consumatori 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information