Il turismo, l'Enit e l'Italia Stampa
Scritto da GUIDO LUCCINI   

Il TURISMO, L‘ENIT E L’ITALIA

Quanti di noi sanno che cos’è l’ENIT? E’ L“Ente Nazionale Italiano per il Turismo”

Abbiamo stabilito uffici in tutto il mondo  a costi spaventosi, un carrozzone di STATO, in cui gli stipendi netti vanno da un minimo di 9000 ad un massimo di 17000 €/ al mese, costituito da 187 lavoratori che  come unica occupazione, dovrebbero mandarci Turisti …quei Turisti che raccattati “qua e là”, un po’ multiuso, devono  prenotare, arrangiandosi come possono, i loro voli sull’ALITALIA o altre Compagnie, e prenotare la loro permanenza negli 8milioni di alloggi privati, che manteniamo a loro disposizione, praticamente esentasse e che non danno lavoro a nessuno!!


 

EHH, si, … perché gli alberghetti nati per questo tipico turismo di massa, non vanno più bene, visto che avendo ormai accertata la concentrazione di questa massa eterogenea nei soliti 4mesi dell’anno, sono costretti a trasformare le loro strutture ricettive, in altri appartamentini esentasse, e che non danno lavoro!!

Qui gli impiegati di concetto ENIT da 17000/€ al mese dovrebbero compiere lo sforzo di andare su Google e leggere:” lettera aperta al direttore de IL Sole 24Ore”, da me scritto nel 2010; e “la costruzione di APARTHOTEL”, nel 2011.!!....

      …. proprio nel 2011 su mandato Governativo, l’ENIT ha concertato e promosso uno sviluppo Turistico  denominato BRIC  (Brasile, Russia, India, Cina), ora, posso anche capire che per Nazioni come Russia, India e Cina, sia alquanto difficile porsi in competizione con noi, su eventuali Investimenti – Turistici, ma ho sempre constatato che, in Brasile come in America, in Francia, in Spagna, o in Portogallo il “PACCHETTO dell’Offerta Turistica” (viaggio + vitto e Albergo) non è mai, DICO MAI, stato disgiunto dalla proposta di investimento, basato sull’acquisto dell’immobile oggetto della vacanza proposta.


Avendo lavorato proprio in questo settore, posso immaginare la potenzialità di investimenti che potrebbero derivarci da Nazioni che non hanno la minima possibilità attuale di proporre acquisti presso di loro, ma continuare a proporre vacanze nell’attuale, totale disorganizzazione,...prodotta da una capillare e assurda sistemazione di questo potenziale turistico, attratto dalla nostra cucina e dai nostri tesori d’arte,...in alloggi privati, senza MAI riuscire a COPIARE quello che fanno TUTTI  i  professionisti delle altre Nazioni detti, TOUR-OPERATORS, dovrebbe costringerci a prendere seriamente i provvedimenti del caso, e proprio contro i “Lavoratori dell’ENIT!! Che sino ad ora, hanno campato (direi troppo bene) coadiuvando il disastro economico, di cui ci stiamo rendendo conto, senza che nessuno di loro abbia MAI denunciato la VERA SITUAZIONE URBANISTICA del TERRITORIO, in CAMPO TURISTICO !!    

E ,… gli impiegati da 9000 €/al mese che si affannano per riempirci l’Italia, di persone completamente disorganizzate,  soprattutto concentrate nello stesso periodo dell’anno,  dovrebbero leggere attentamente, meditando …su Google: 

si può campare senza Turismo in Italia?”, scritto da me nel 2015!!  

 Guido Luccini

Savona 04/10/2015

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information