Bergeggi, Piani d’Invrea, Le Manie “3 piccole Grecie” Stampa
Scritto da GUIDO LUCCINI   
Bergeggi, Piani d’Invrea,
Le Manie “3 piccole Grecie”

Certamente ascoltando i nostri giornalisti e i nostri politici che in effetti nella loro vita non hanno ancora mai programmato occasioni lavorative, se non alla colf della moglie, è arduo interpretare  le loro disquisizioni sulla Troika, ovvero: Commissione Europea, Banca Centrale Europea, e Fondo Monetario Internazionale, che secondo loro hanno causato, e continuano a causare, le sventure della Grecia, dell’Italia, e della Spagna. Io non sono uno Statista, e non credo che saprei governare uno Stato, ma so che negli anni ‘50/’60 per trovare un buon muratore o un buon carpentiere, si doveva andare, in autunno, alla Stazione Ferroviaria di Savona ove i Piemontesi, terminato il lavoro nei campi programmavano la loro occupazione invernale in Liguria. E la Liguria offriva allegramente, non so se finanziata da qualche o quale Troika, la possibilità di costruire con mutui che arrivavano anche al 20% di costo annuale, tante, ma tante, piccole Grecie, dotate di sterminate sequenze di alloggi condominiali, e di  un bel po’ di ville infarcite da minuscole Pensioncine, finanziate, sicuramente da qualche Troika Statista, al 50% del loro costo totale.

 
Bergeggi

 Immaginiamo allora che a Bergeggi, i giovani ed i disoccupati del Polo industriale di Vado Ligure dovessero aver necessità di lavorare, nel  loro paesino ove a Torre del Mare per 60 anni si sono visti rimpinzare di strutture denominate “TURISTICHE” sbalzate su spiagge meravigliose, ove però, dopo qualche mese di lavoro estivo si è sempre ritornati a quell’oblio invernale, che dovrebbe impensierire qualsiasi Statista che si reputa tale, ed ove il lavoro  per i Bergeggini, è sempre stato così, incredibilmente……un‘Optional!  

Possiamo trasferirci a Varazze  -  Piani d’Invrea, o a Finale Ligure - Le Manie,e ritroviamo sempre altre piccole Grecie, ove non esiste nessuna occupazione, ove abbiamo sbagliato tutto, ove continuiamo sempre a ricercare le colpe nelle varie Troike, lasciando però,  oltre al tempo che si trova, anche i disoccupati che ci guardano muti senza capire un accidente!   

       
Piani D'Invrea                         

Anche in Francia alla Baia degli Angeli, Le Corbusiers ha costruito la sua piccola Grecia. E le sue mostruose “onde”, sicuramente finanziate da incompetenti Troike, sono rimaste, con mostruosi e ingestibili alloggi, ….. disabitati come a  Torre del Mare, ai Piani d’Invrea, e alle  Manie, addolorandolo tanto da provocarne la dipartita. 

Da qualche parte ho citato  anche l’Aga Kan, che in Sardegna voleva rilanciare il Turismo con i Campi da Golf e gli Hotel, come avviene  nel resto del mondo. Per i Campi da Golf, le varie Troike non hanno sollevato problemi, ma per gli Hotel il fatto che se li doveva tenere tutti, senza poterli frazionare e vendere, per lo meno in parte, lo ha costretto ad andarsene per altri lidi “veramente Turistici”.

 
Finale Ligure - Manie

Le nostre Troike  per la verità hanno tentato di finanziare qualche  Disneyland copiandola da Los Angeles, scordandosi sempre però di copiare, che al suo lato,  erano sorti 100mila posti letto, in regime di Aparthotel, atti a finanziare tutta l’operazione…….. ed a noi questo è  da sempre proibito!


Le onde di Nizza

Questa è la situazione, per 60anni la nostra progettazione turistica ha ripercorso quella Greca e i greci, avendo puntato tutto sul TURISMO, si ritrovano con errori che li lasciano inebetiti davanti ad un “tracollo” così immediato e totale…. Spero ancora che qualche Troika Italiana, su google: “8 progetti per dare lavoro a 1400 persone” prenda spunto per risolvere almeno uno dei nostri problemi, augurando agli Italiani di riuscire ad intravedere ancora la ricrescita, di tutte le nostre  grandi e piccole Grecie, prima di quel  …. “tracollo” a cui sembrano anche loro destinate!    

Guido Luccini

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Savona 19/07/2015           

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information