LE UNICHE “LIBERALIZZAZIONI Stampa
Scritto da Guido Luccini   
LE UNICHE “LIBERALIZZAZIONI” …..
DI CUI ABBIAMO BISOGNO

E così la nostra “bella Italia” è stata declassata!!

Il 24/09/2010 il Direttore de Il Sole24 Ore ha perso un'altra occasione per spiegare agli Italiani che, visto che secondo Lui : “è molto conveniente acquistare edifici ... negli Stati Uniti da riconvertire al turismo e denominati Aparthotel,” ..... come mai, perchè, e come si spiega, che la stessa cosa non si può proporre agli Americani e al resto del mondo, qui da noi in Italia?

 Non sarà che il Direttore de Il Sole 24 Ore, tema di violare quella mostruosa consuetudine atta a proseguire la costruzione di “seconde case”, che impedisce così felicemente lo sviluppo di Aparthotel riconvertibili al “turismo produttivo” e quindi al ..... “LAVORO”?

Ma veramente nessuno riesce a capire il baratro che ci attende, continuando a non sovvertire il triste quadro economico - produttivo disegnato nei “ Piani Regolatori” da poteri di cui nessuno parla e che ci hanno portato a questi punti?

Le “liberalizzazioni” necessarie per dare lavoro in Italia sono tre! se ne parla solo quando le seconde case diventano assillanti, quando un nuovo terremoto ci scuote, quando i Paesi scivolano a valle, ma, insieme sono “IL PROBLEMA che blocca la crescita e lo sviluppo”ed è insito in tutti i nostri “PIANI REGOLATORI” !!!

1) Alberghi esistenti o nuovi:

possibilità di riqualificazione dell'esistente e del nuovo, in RTA (residenze turistico alberghiere, dette anche Aparthotel) di metri quadri 17,50.

2) Centri cittadini sprovvisti di conformità statica, senza pregi storico- culturali:

possibilità, previa demolizione, di ricostruire il doppio dell'esistente cubatura, oltre i box da ricavarsi nelle proiezioni sotterranee ai nuovi fabbricati.

3) Costruzioni provviste di conformità statica ma, eseguite in zone esondabili o comunque a rischio frane:

possibilità, previa demolizione, di ricostruire il triplo della cubatura esistente su terreni saldi ottenuti spianando i crinali in opposizione a Legge Galasso.

Aparthotel in trentino

 Questo e solo questo produrrà l'inversione di tendenza necessaria per l'afflusso di capitali esteri che sicuramente negli Aparthotel troveranno la loro naturale espansione, unitamente a quelli già presenti nel nostro territorio, che con le “liberalizzazioni” sino ad ora attuate minacciano un'altra fuga verso i soliti lidi!

 Mi pare evidente infatti, che il continuare a costruire alloggi, box, centri commerciali e qualche capannone artigianale, dopo aver martoriato i nostri suoli :

1) distruggendo tutto il tessuto turistico - ricettivo trasformandolo in case abitative (vuote);

2) lasciando al loro (tragico) destino i centri storici che mai hanno potuto rinnovarsi secondo le semplici conformità delle leggi sancite e stabilite per Tokio, New York, e Barcellona ;

3) lasciando costruire nei bacini naturali delle acque che vanno al mare centinaia di caseggiati esposti ai rischi che tutti conosciamo;

sia quanto di peggio possa incidere sul futuro dei nostri giovani ed alle generazioni che seguiranno.

Altrettanto evidente è il fatto che queste tre “liberalizzazioni” costituiranno una precisa riforma dei “PIANI REGOLATORI” che a tutt'oggi non hanno purtroppo, mai regolato un bel niente!  

Guido Luccini 

Savona 26/01/2012 su Google vedi “guidoluccini”

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information