Grandi sorprese dal referendum Stampa
Scritto da Gilberto Costanza   
Viaggio inedito e curioso nel ponente ligure.Le tabelle dei record
Grandi sorprese dal referendum
Borghetto S. Spirito e Ventimiglia nel banco dell’asino?
  I “casi emblematici” dei 3 comuni savonesi e dei 7 imperiesi  

 

Savona – La grande sorpresa dei 4 referendum del 12 e 13 maggio 2011 in Liguria, specialmente per il ponente ligure: le provincie di Imperia e di Savona! Provincie notoriamente di maggioranza del centro-destra.

 

Tanto più grande se si pensa che i capi storici dell'attuale maggioranza di centro-destra: il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi (Pdl) e il Ministro Umberto Bossi (Lega Nord), pur avendo inizialmente dichiarato ai loro sostenitori la “libertà di coscienza” nell'espressione del voto, hanno poi pubblicamente dichiarato che non sarebbero andati a votare!   

Quindi, un chiaro e inequivocabile invito agli elettori e simpatizzanti del Pdl e della Lega Nord di non andare a votare per evitare il raggiungimento del quorum previsto nel 50% più 1 per la convalida dei 4 referendum.

Dall'analisi dei dati si evidenzia che i votanti hanno dato la preferenza al referendum n. 2 – Tariffe servizio idrico con 767.813 elettori,  nel mentre sono diminuiti: di 184 elettori per il referendum n. 1 – Servizi pubblici locali; di 898 elettori per il referendum n. 4 – Legittimo impedimento; di 1.178 elettori per il referendum n. 3 – Energia elettrica nucleare.

 

La più alta percentuale del NO è stata del 6,02% per il referendum n. 3 – Energia elettrica nucleare. 

 

 

 

Nella provincia di Savona, dai dati dei singoli comuni, si evidenzia che sono stati tre i comuni che non hanno raggiunto il quorum: Borghetto Santo Spirito, il 46,39% (elettori: 4.145 – votanti: 1.923); Garlenda, il 48,38% (elettori: 957 – votanti: 463); Stellanello, il 49,34% (elettori: 687 – votanti: 339).

Cinque i comuni che hanno superato il 70,00% dei votanti: Quiliano, il 73,19% (elettori: 6.089 – votanti: 4.457); Castelbianco, il 72,84% (elettori: 232 – votanti: 169);Vado Ligure, il 72,41% (elettori: 6.953 – votanti: 5.035);  Plodio, il 71,89% (elettori: 548 – votanti: 394); Orco Feglino, il 71,35% (elettori: 761 – votanti: 543).

 Il comune di Castelvecchio di Rocca Barbena, nel referendum n. 2 – Tariffe  servizio idrico, ha raggiunto il 100% dei SI (elettori: 156 – votanti: 107).

 I comuni con più di 10.000 elettori hanno raggiunto le seguenti percentuali: Savona, il 64,11% (elettori: 49.390 – votanti 31.666); Albenga, il 53,62% (elettori: 19.010 – votanti: 10.194); Varazze, il 59,12% (elettori: 11.353 – votanti: 6.712); Cairo Montenotte, il 61,70% (elettori: 10.619 – votanti: 6.552).  

Nella provincia di Imperia, dai dati dei singoli comuni, si evidenzia che sono stati sette i comuni che non hanno raggiunto il quorum: Vessalico, il 49,74% (elettori: 193 – votanti: 96); Camporosso, il 49,37% (elettori: 4.427 – votanti: 2.186); Perinaldo, il 49,34% (elettori: 685 – votanti: 338); San Biagio della Cima, il 47,24% (elettori: 1.035 – votanti: 489); Ranzo, il 46,08% (elettori: 460 – votanti: 212); Ventimiglia, il 45,92% (elettori: 19.903 – votanti: 9.141); Olivetta San Michele, il 45,50% (elettori: 200 – votanti: 91).

 Tre i comuni che hanno superato il 65,00% dei votanti: Montegrosso Pian Latte, l' 86,23% (elettori: 109 – votanti: 94); Terzorio, il 69,10% (elettori: 191 – votanti: 132); Rocchetta Nervina, il 65,58% (elettori: 215 – votanti: 141)

 Tre i comuni che hanno raggiunto il 100% dei SI: Perinaldo, con il record del 100% per i 4 referendum (elettori: 685 – votanti: 338); Aquila d'Arroscia (elettori: 155 – votanti: 84); Lucinasco (elettori: 196 – votanti: 120).

I comuni con più di 5.000 elettori hanno raggiunto le seguenti percentuali: Sanremo, il 51,19% (elettori: 44.720 – votanti: 22.895); Imperia, il 59,37% (elettori: 32.645 – votanti: 19.382); Taggia, il 57,97% (elettori: 11.300 – votanti: 6.551); Bordighera, il 51,26% (elettori: 8.703 – votanti: 4.462); Vallecrosia, il 52,13% (elettori: 5.845 – votanti: 3.047).

Forte delusione e fonte di preoccupazioni per l'ex Ministro dello Sviluppo Economico On. Claudio Scajola il quale aveva promosso il programma nucleare italiano.  

 

Il referendum n. 3 – Energia elettrica nucleare è stato il meno votato nella sua città natale (i SI 18.151 voti, con una percentuale del 95,02% e i NO 952 voti, con una percentuale del 4,98%). La sua speranza è stata quella che i referendum non raggiungessero il quorum.

 

Delusione amara e molto significativi i risultati. Ha inciso sicuramente una buona percentuale degli elettori e simpatizzanti del Pdl e della Lega Nord. 

In conclusione, i referendum hanno decretato: La vittoria della società civile! Un momento da tempo auspicato dalla maggioranza degli italiani, dal nord al sud. 

Un riconoscimento e plauso a tutti coloro che hanno determinato un risveglio civico per la cosa pubblica!  

Degno coronamento dei festeggiamenti del 150° anniversario dell'Unità d'Italia!  

Gilberto Costanza

 e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

19/06/2011 – Trucioli Savonesi – n. 298   

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information