Albisola L’orto sinergico con i rifugiati Stampa
Scritto da MARCO OLIVERI da Il Letimbro   

 Al Santuario della Pace trasformato un terreno di 300 mq: viene seguito dagli ospiti del progetto di accoglienza Sprar

L’orto sinergico con i rifugiati

A Superiore si sperimenta una tecnica di coltivazione tecnologica e naturale senza l’utilizzo di fertilizzanti o pesticidi

 

Albisola Superiore sperimenta l’agricoltura sinergica. È una tecnica di coltivazione naturale, che non prevede lavorazioni di terreno né l’impiego di pesticidi o fertilizzanti, quella praticata dai beneficiari del progetto Sprar al Santuario della Pace. Infatti, dallo scorso dicembre, un terreno di 300 mq all’interno del  parco che ospita la struttura d’accoglienza è stato trasformato in un orto sinergico. Un’idea innovativa che permette di ottenere raccolti abbondanti di verdura biologica, grazie alle consociazioni di piante, risparmiando tempo, energie e acqua, alla base di un progetto start up per lo sviluppo di un’attività che in  futuro  potrà diventare una risorsa per il territorio albisolese.

 

 

Ho replicato la coltura sinergica dapprima in casa e poi l’ho proposta  alla  scuola primaria di Superiore  –  spiega il promotore dell’iniziativa Diego Vassallo, 47 anni, ingegnere e consulente di digital marketing che ha ereditato dal padre la passione per la terra – tramite la Giunta, ho elaborato un  progetto di orto sinergico inclusivo per gli  ospiti  dello Sprar che, di recente, ha interessato anche i cittadini”. 

 I terreni sono stati seminati e disposti in  cinque cumuli di terra, detti “bancali”, lunghi 33 metri e larghi 1,20 metri, su cui è stato istallato un impianto d’irrigazione permanente ed eseguita una “pacciamatura” di paglia. “Gli spazi, recintati per tenere lontani gli animali del bosco, non verranno più toccati, ma  solo  accuditi dai 2-3  ospiti  del progetto  Sprar, che attualmente controllano che le piante crescano –  continua – abbiamo piantato fave, aglio, cipollotti e piselli nani, ma in sinergia potranno crescere anche piante da fiore ed erbe aromatiche”.

Tra gli obiettivi futuri, la costituzione  di  una cooperativa  che promuova l’agricoltura sinergica con il recupero di aree semi-incolte, non solo di proprietà comunale, presenti in zona: “Abbiamo già individuato alcuni terreni in via Buraxe e nelle frazioni di Luceto e Carpineto – aggiunge Vassallo  -  il fine è offrire un metodo di autoproduzione per i beneficiari dello Sprar, ma, in caso  di eccedenza di raccolti, sarebbe bello rivolgersi prima alle persone indigenti e poi ad eventuali acquirenti”.

Adesso, il traguardo più vicino nel tempo è il momento della raccolta: “Le piante saranno tagliate ma non estirpate, in modo che il bancale possa continuare a produrre – conclude – in primavera, ci piacerebbe organizzare una merenda al Santuario della Pace con la cittadinanza e le parti coinvolte nel progetto”.

MARCO OLIVERI  da il letimbro

 

  IL LETIMBRO   E' in edicola  il numero di maggio


Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information