I Posti precari doppiano quelli stabili Stampa
Scritto da GIANCARLO SALEMI Avvenire   

 

Posti precari doppiano quelli stabili

 

l lavoro cambia faccia: quello a breve termine doppia quello fisso. Nell’ultimo quadriennio infatti i contratti a termine sono aumentati del 35% con 800mila occupati che si devono accontentare di un impiego che dura al massimo 12 mesi (85% del totale), mentre i contratti a tempo indeterminato si sono fermati a 460mila.

Sempre più precarietà e con una frenata anche del lavoro autonomo (-117mila unità) mentre le tutele crescenti introdotte dal Jobs Act hanno maturato a oggi il 16% delle assunzioni. Tutto ciò avviene perché l’offerta di lavoro è bassa ma è anche scarsa la qualità dell’occupazione mentre vi è un potenziale di crescita inutilizzato rappresentato dalle donne o dai neet, persone che non studiano e non cercano più lavoro.

Senza dimenticare che la crescente competitività dei mercati si scarica sul costo del lavoro e su salari sempre più bassi. È questa la fotografia sul lavoro e la contrattazione collettiva scattata dal Cnel nel suo Rapporto annuale. Un contributo – come ha ricordato il presidente Tiziano Treu – «per evitare controversie ideologiche e soluzioni semplicistiche».

Già perché a fronte delle misure adottate dal governo come il decreto Dignità e quello in prospettiva del Reddito di cittadinanza ci sono i numeri che parlano di una realtà molto complessa: a gennaio potrebbe saltare il rinnovo di oltre 53mila contratti come evidenziato da Assolavoro quale effetto del nuovo tetto a 24 mesi per il tempo determinato. Tutto questo mentre avanza il lavoro povero: oltre 3 milioni nel 2015, ma si arriva a 5,2 milioni se si considera il reddito annuale invece di quello mensile.

Per rendere concrete le opportunità di occupazione servono servizi personalizzati di orientamento, di formazione e di accompagnamento con interventi di sostegno psicologico e sanitario. «Abbiamo perso lavoro nelle qualifiche intermedie

– ha spiegato Claudio Lucifora dell’Università Cattolica – mentre hanno creato posti settori come alberghi, ristorazione, trasporti segnati da una forte stagionalità». Di fronte a questo scenario «occorre capire se il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto», ha sottolineato Paolo Sestito di Bankitalia: «Considerando che c’è un problema relativo al ridisegno del prelievo fiscale in busta paga e che i mezzi di contrasto alla povertà sono anche altri come: facilitazione della mobilità territoriale o la riduzione dei vincoli di cura familiare che ostacolano l’accesso al lavoro».

GIANCARLO SALEMI    Avvenire    

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information