Scrivilo sui muri... Stampa
Scritto da PAOLO BONGIOVANNI   
 

Scrivilo sui muri...

di Paolo Bongiovanni

 Questa settimana sarò al vetriolo, e citerò qualcuno senza fare nomi direttamente, ma so che si riconoscerà orgogliosamente in questo, e citerò sempre qualcun’altro sempre non direttamente, che sarà forse un pò meno orgoglioso ma orgoglione, visto che quello che fa non è da pubblicizzare con orgoglio, e ciò è il minimo che gli spetti.

Parliamo ancora di muri, questa volta in città, ancora una volta soprattutto mentali, o preferirei “De-mentali”, di parte e faziosi, molto schifosi siano essi “neri o rossi”, ermetici o schierati, erma-politici e “De-costruttivi” ma soprattutto distruttivi, volti ad offendere, a intimidire o peggio, denigrare qualcuno che fa qualcosa di utile per la società e la comunità savonese.

Che lo spray sia con voi e col nostro spirito, dice qualcuno che lo spirito ilarico ed ironico ha, e le scritte si invertono come un gioco spostando lettere e vocali qui e là, anagrammando per modificare le frasi e si diffonde il verbo, con l’applicazione che rende giustizia ad una scritta.

Un’altra iniziativa interessante che sarà proposta, è quella delle scritte sparse sui muri o altro, (quelle piccole e non i murales veri e propri), saranno filmate e raccolte attraverso un documento che sarà a disposizione delle scuole savonesi, per una campagna contro il bullismo discriminatorio ed intimidatorio, usanza pessima che sta prendendo la mano (oltre a cyberbullismo) tra i tanti giovani in città.

Che in questa città si debba costruire e non distruggere, oramai è appurato e se la colpa è di questo o quell’altro amministratore poco importa oramai, dopo mesi. Molti ce li siamo finalmente tolti dai piedi e ci auguriamo sollecitamente che, anche nel futuro non si intrufolino mai più nella politica e che possano mai più mettere mano alla “saccoccia”.

Però anche con questa faziosità partitica anni ‘70 cari militanti, scusate ma ce lo avete zampettato, soprattutto i tanti cari idioti dalla tastiera facile colorati di rosso, verde, giallo o nero che siate, andate al diavolo! Ce lo avete zampettato cari finti writers della sera che pasticciate i muri, i cancelli e le opere pubbliche o private, che poi manco le finite a bonificare voi se vi prendessero, perchè viene fatto tutto a spese pubbliche, dalla già salassata cassa comunale.

Ce lo avete zampettato con la polemica politica legata al passato e a cose inattuabili, qui bisogna fare, basta parole e bandiere.


 

Un’altra canzone di Vasco il più social degli artisti italiani, (mi piace Vasco e allora?) dice:

Scrivilo sui muri...

Voglio vivere come se, tutto il mondo fosse ... Fuori

Il mondo è fuori anzi, anche i Matia Bazar danno il loro contributo: C’è tutto un mondo attorno...

Ed è proprio così, il mondo è là fuori, attorno a noi e cambia, nonostante noi e le nostre idiozie. Viviamo una volta sola e cerchiamo di viverla dignitosamente, facendola vivere anche nella migliore maniera possibile a chi ci sta attorno.

 Insomma se, qualcosa dovrebbe nascere e lo propongo qui direttamente dalle pagine stropicciate ed internettiane di un magazine cittadino di attualità, è un movimento trasversale del FARE e del PROPORRE.

Ci sono molte associazioni che fanno ogni giorno e sono sotto gli occhi di tutti, senza urlare o decantare ai quattro venti la propria genuinità e bontà.

C’era un progetto della vecchia amministrazione, che per vari motivi è stato messo in soffitta, per eventuali costi di attuazione ed anche per il cambio di amministrazione. Perchè non proporlo ufficialmente anche a questa amministrazione?

Sto parlando proprio di muri e di scritte, di writers savonesi, quelli seri e non quelli con il passamontagna che vivono nell’ombra perchè non sanno far altro che scarabocchiare scritte in grigio topo morto, che come idioti non usano nemmeno i colori adeguati per le proprie scritte di protesta (Il rosso rivoluzionario, costa troppo?), sapete assai voi di cosa è la protesta e cosa sono gli anni 70 e 80.

 Voi che vi limitate a pasticciare muri con scritte “politi-cazzare” e non avete nemmeno il coraggio di firmarvi con un tag.

Ora veniamo alla proposta:

Mi rifaccio ad una delle tante discussioni sui social, che spero sia prolifica e diventi una cosa seria, in città abbiamo decine di muri, grigi e spenti soprattutto in periferia, muri con manifesti pubblicitari abusivi e tante scritte brutte e vergognose.

Abbiamo decine di bravi artisti, che possono liberamente esprimersi e con argomentazioni attuali e inerenti alla città, possono dare un messaggio ai giovani che sono il futuro.

Mancano i soldi?

Per cosa le vernici e l’attrezzatura???

 Gli artisti dovrebbero essere già contenti di avere finalmente spazio senza incappare nelle noie legali, per cui mi auguro la loro collaborazione. Bene mettiamoci in associazione e autogestione, creiamo una raccolta fondi tra writers, autori, scrittori, poeti, artisti, creativi, attivisti impegnati socialmente. Il tutto senza faziosità, partiti, movimenti (intestinali) e bandiere.

Aiutatemi a diffondere ciò con l’amministrazione comunale, che si individuino se non ci sono già, le aree dove poter eventualmente creare le opere.

Mi aspetto che mi contattiate, e attendo collaboratori, ma so già di averne un pò e allora lavoriamoci!!! Ci sentiremo presto, su questo argomento, comunque... Grazie a tutti

 

Paolo Bongiovanni

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information