Intitolato l'Istituto Superiore di Cairo Montenotte... Stampa
Scritto da SELENA BORGNA   
Intitolato a Federico Patetta
 l’Istituto Secondario Superiore di Cairo Montenotte

 “La storia della scuola comincia da lontano”, ha dichiarato Monica Buscaglia, preside dell’Istituto Secondario Superiore di Cairo Montenotte durante l’intitolazione dell’istituto a Federico Patetta, “e nell’anno scolastico 1959-1960 l’Istituto Boselli di Savona ha creato qui una sezione staccata di ragioneria e successivamente l’Ipsia. Nel 1966 l’istituto è stato intitolato a Federico Patetta, nel 1974 è nato l’Itis e nel 1979 si è inaugurata la sezione di Via XXV Aprile. Dal 2000 i due plessi sono diventati uno solo e la scuola è rimasta priva d’intitolazione. Un tratto comune dei due istituti è quello di anticipare le istanze della realtà e tutti i percorsi di studi hanno sempre colto le novità ministeriali. Cairo è sempre stata una piccola fucina di sperimentazione e recentemente è stato emesso un decreto per intitolare l’istituto a Federico Patetta, una sorta di ritorno alle origini per onorare un cittadino illustre. Il recupero delle radici è molto importante affinché possa avvenire la migliore formazione per gli studenti orientandoli al futuro”.

 

Stessa soddisfazione da parte dell’assessore regionale Stefano Mai: ”Porto i saluti del presidente Toti e mi sento di dire che mi piace venire in queste zone. Quando ero in provincia ho sentito molto parlare di Patetta e sono stato molto impressionato dai suoi studi ed è molto bello ricordarlo così. Legarsi alla storia è molto importante così come legarsi alla realtà e Patetta dev’essere per tutti un esempio da seguire e mi piacerebbe molto poter riportare alcuni suoi scritti in queste zone visto che qui se ne trovano pochi”.

“Sono molto contento di essere qua e tengo molto a questa scuola”, sottolinea il sindaco di Cairo Montenotte Paolo Lambertini, “e l’idea di un unico nome per tutto l’istituto mi piace molto. In questi casi occorre mettere da parte i campanilismi e fare squadra”.


“Gli scritti di Patetta non sono stati ancora catalogati e la sua biografia è molto importante così come l’intitolazione di questa scuola che quest’anno assume un significato particolare visto che ricorrono i 150 anni della nascita di Patetta”, ha evidenziato il professor Lorenzo Chiarlone, “e la sua figura è stata riscoperta negli ultimi anni. Illustre giurista e storico del diritto è stato docente presso l’università “La Sapienza” di Roma ed è stato un genio precoce visto che all’età di 16 anni s’iscrive all’università e a 23 pubblica un’enciclopedia di circa 500 pagine, all’età di 24 anni insegna all’università e per tutta la vita studia. Lascia un’eredità importante di scritti e cimeli come, ad esempio, statuette e lettere di Carlo Alberto e la sua eredità culturale contenuta nei libri è altrettanto importante. Per lui lo storico è colui che narra i fatti e cita le fonti ed ha consapevolezza dei limiti di studio. I suoi risultati sono sempre stati provvisori e gli insegnamenti molto pratici, ma non voglio dimenticare il suo attaccamento per il borgo natio”.


“Questo è un anno importante per la figura di Patetta e per noi non è mai stato un accademico ma uno zio e la sua è stata per la mia famiglia una figura importante. L’intitolazione della scuola è per me una sorta di ritorno a casa e lui amava moltissimo Cairo e ci torna dopo anni a Roma perchè Cairo è casa sua”, conclude Federica Fumagalli, nipote di Federico Patetta

       SELENA BORGNA  

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information