Opzione fortuna/sfortuna oppure.... Stampa
Scritto da SILVIO ROSSI   
OPZIONE FORTUNA / SFORTUNA
oppure OPZIONE CERTEZZA

Non è un'invasione, sono tutti povera gente che scappa dalle guerre…..

Questa è la litania che i partiti di sinistra, con in testa il Partito Democratico, il cui segretario è anche il Capo del Governo, ci stanno propinando  da ormai 4 anni, anche se ora loro stessi cominciano a capire che la bomba a orologeria  sta  esplodendo nelle loro mani.

Questa brava gente, di cui i partiti di sinistra parlano, sono tutti giovani uomini , che non scappano dalle guerre e se scappano dalle guerre lasciano nelle guerre donne anziani e bambini e vengono in Europa, pagando oltre 3000 dollari (meno male che sono povera gente!) solo per imbarcarsi su gommoni obsoleti, che hanno solo il compito di portarli a 20 km fuori dalla costa Africana, dove li attendono le flotte della UE (richieste a gran voce, a suo tempo dal nostro Governo), per traghettarli in Italia.


Dopo di ché il problema è il nostro, il problema è dei cittadini che si vedono recapitare nei propri condomini o nei condomini attigui, flotte di baldi giovani sconosciuti, che come minimo orinano nei portoni, rovinano gli ascensori e creano disagi a chi ha lavorato una vita per comperarsi un appartamento e vivere serenamente la propria vecchiaia nel quartiere della sua vita,  con una pensione, peraltro falcidiata dalle tasse, tasse  appunto che servono in parte, anche per pagare il soggiorno dorato di questi pseudo rifugiati.

E’ una lotteria infernale nella quale chi ha fortuna vince il primo premio dell’Hotel a 4 stelle per minimo due anni, a chi invece va male è mantenuto in un appartamento in condivisione con altre 10/15 persone o in un campo profughi gestito da faccendieri senza scrupoli, e a chi va malissimo muore annegato.

La stessa lotteria vale per i poveri cittadini italiani, che va bene a chi vive nelle zone dove abitano il Sindaco o il Prefetto, va male a chi  si ritrova questi stranieri nel proprio circondario, va malissimo a chi se li ritrova nel proprio condominio con tutte le conseguenze che le persone di buon senso possono immaginare.

Queste persone possono essere oneste o disoneste, possono essere sani o portatori di malattie infettive, possono essere pii religiosi o terroristi…tutto è lasciato nelle mani del caso o meglio, della fortuna.

Dico questo con cognizione di causa, confortato anche dalle accuse continue che ci fa l’Unione Europea di non identificare i nuovi arrivati, i quali circolano spesso indisturbati nel nostro Paese, senza alcun controllo, finché fa a loro comodo, per poi cercare di entrare nei Paesi confinanti.

Nelle ultime elezioni in Austria non ha vinto la destra, catalogata come xenofoba e razzista, hanno vinto gli ultra progressisti; tuttavia la frontiera del Brennero è sempre presidiata, e tanto per la cronaca il 2 Giugno alle ore 11.30 tornando dalla Francia ho incrociato una coda in senso inverso di 15 km di veicoli, a causa dei   controlli alla barriera francese di St Laurent du Var.

 

Mentre Renzi dorme tranquillo, mentre i Prefetti dormono tranquilli, tanti poveri cittadini dormono con gli incubi per non essere sicuri in casa propria e preoccupati, nel rientrare di notte a casa, di imbattersi in gruppetti di persone di cui non si sa NIENTE.

I cittadini   subiscono questi veri e propri  soprusi solo per i calcoli politici del Partito Democratico, che lucra su questo business, come già chiaramente  emerso nell'indagine di” Mafia Capitale”, che serve, oltre che  per il finanziamento delle campagne elettorali del PD, a creare  uno zoccolo duro di consensi, provenienti da  un mondo variegato, che va dalle cooperative  agli infermieri, agli psicologi, ai mediatori linguistici, ai mediatori culturali, insomma da tutto quel mondo legato all'assistenza, targato assolutamente PD.

Ora molti cittadini cominciano a ribellarsi e lo abbiamo visto in queste ultime elezioni, che hanno rivelato la perdita di consenso del Partito Democratico in quelle periferie, che una volta erano il loro migliore bacino elettorale.

I Governi di questi ultimi anni hanno tagliato soldi ai Comuni per 16 miliardi di Euro, pari a un punto di PIL, i Comuni a loro volta hanno tagliato servizi e aumentato le tasse in modo esponenziale e tale situazione tocca specialmente la povera gente, a cui  i Governi delle sinistre hanno eretto muri di liste di attesa e aumenti di ticket sanitari, che non hanno avuto eguali nella storia della Repubblica.

Purtroppo nessuno ha la certezza di essere al sicuro, come ho appena detto è solo una questione di fortuna: la fortuna di non avere un appartamento sfitto nel proprio condominio, che potrebbe essere adibito da un giorno all’altro a foresteria dei nuovi arrivati ; la fortuna di non imbattersi in pazzi o malintenzionati;  la fortuna di non dover arrivare al pronto soccorso e condividere l’attesa con persone magari affette da malattie ignote . (guarda caso il super batterio è presente in misura maggiore in Italia,Grecia,Turchia)

Tutto è legato al caso, alla fatalità,  o meglio come già significato, alla fortuna o alla sfortuna…….un po’ come quando prendi un biglietto alla lotteria.

Mercoledì 8 Giugno in via Famagosta un camioncino ha scaricato 20 materassi al civico n° 8 dove vi è uno o forse due appartamenti delle opere Sociali; oggi sui giornali leggiamo “Affare Profughi, il Faggio vince la gara”; c’è di più: il carcere di Savona non più utilizzato passerà al Comune, per cui si attende il risultato delle elezioni per eventualmente trasformarlo in centro di accoglienza. (i residenti di Monticello e dintorni sono avvisati!)

Venti materassi in un appartamento…..avete capito?  Vedremo presto a cosa serviranno, anche se, come sempre, potremo fare ben poco, di fronte a una possibile illegalità, se imposta dal Prefetto, alla faccia anche delle più elementari norme di igiene che vorrebbe la legge .

 Se i cittadini savonesi non vogliono vivere una vita basata sulla fortuna o sfortuna, ma su una  ragionevole certezza di vivere una città più sicura, più pulita e soprattutto più legale, ci aiutino a cacciare, da una parte i responsabili dello sfascio amministrativo di  Savona e dall'altra a mandare un avviso di sfratto al bulletto nazionale, che con la sua incompetenza e irresponsabilità,  sta portando il Paese ad una deriva sovrapponibile  a quella della Grecia e sta minando le certezze non solo della povera gente ma anche del ceto medio.

I cittadini di ROMA MILANO TORINO e di tutte le altre città come SAVONA, hanno la possibilità in questi ballottaggi di provare a cambiare radicalmente le amministrazioni fallimentari delle città governate dalle sinistre, perché chi è stato la causa dei problemi difficilmente può essere la chiave della soluzione.


 Inoltre a Savona non dimentichiamo che la candidata PD è un emanazione di Claudio  Burlando, il maggior nemico della nostra città, complice, se non principale  ispiratore, delle operazioni Bitume, Crescent, Carisa, Tirreno Power e soppressione della nostra autonomia portuale; tutte operazioni che hanno portato vantaggio a Genova e ora ci ha propinato una genovese come sua proconsole personale.

Il comitato di Liberazione per cacciare i fascisti e i nazisti era formato da liberali, cattolici, socialisti e comunisti, tutti partiti di idee e tradizioni differenti, ma che avevano un unico scopo e cioè cacciare i responsabili del disastro nazionale causato dal regime di allora.

Stavolta siamo nella stessa situazione e tutti i cittadini di tutti quei movimenti, che non hanno interessi legati al sistema clientelare locale,  hanno nel  ballottaggio una occasione unica  per mandare a casa questi personaggi.

 NON PERDIAMO QUESTA OCCASIONE UNICA!  “muore solo  chi è schiavo delle abitudini”

Dopo di chè penseremo al referendum!

SILVIO ROSSI

LEGA NORD

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information