Cinema-Gagarin: Primo nello spazio Stampa
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO

  Gagarin: Primo nello spazio

"Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini."
(Jurij Gagarin)

Un film di Pavel Parkhomenko. Con Yaroslav Zhalnin, Mikhail Filippov, Olga Ivanova, Vadim Michman, Vladimir Steklov. continua» Titolo originale Gagarin. Pervyy v kosmose. Biografico, durata 108 min. - Russia 2013.

Figlio di un falegname e di una contadina, Jurij Alekseevic Gagarin è il primo uomo che, il 12 aprile 1961, entrò nello spazio girando in orbita intorno alla terra, pilotando (spesso manualmente) la navicella Vostok-1 in cui risiedeva.

Il volo del maggiore Jurij Gagarin ebbe inizio alle ore 9:07 di Mosca, all'interno della navicella Vostok 1, del peso di circa 5 tonnellate.

Compì un'intera orbita ellittica attorno alla Terra, raggiungendo un'altitudine massima (apogeo) di 303 km e una minima (perigeo) di 177 km, viaggiando a una velocità di 27.300 km/h.


 Il film si sofferma sulla preparazione e le esercitazioni funzionali alla messa in pratica della gloriosa missione spaziale sovietica, un evento inatteso, del tutto straordinario e impressionante negli anni '60, avvenuto in piena guerra fredda, e che sanciva per un breve periodo di tempo, la superiorità tecnologica della Russia socialista rispetto ai Paesi capitalisti. Un trionfo che faceva ben sperare anche su una evoluzione del socialismo verso forme di giustizia sociale sempre più accentuate, accompagnate anche da un relativo benessere economico per tutti. Aspetti quest'ultimi poi delusi, in quanto quelle speranze furono abbattute da contraddizioni interne irreparabili chiamanti in causa la libertà di espressione: in breve tempo in occidente si finiva per associare, a quel tipo di socialismo reale (sempre più privo di libertà), repressione, lager e grande miseria per milioni di cittadini.

Un film che si sofferma qua e là anche sulla vita di Gagarin, il cui significato appare troppo semplice racchiusa com'è in mitologie inserite in un contesto privo di una dialettica sociale e istituzionale critica...

Ottima fotografia e effetti visivi, quest'ultimi più che speciali sembrano invisibili cioè ottimamente facenti parte del discorso narrativo del film: semplice e spedito.

Biagio Giordano

 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Il nuovo libro,  recensioni tratte da Truciolisavonesi 

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

       
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information