Cinema. Brevi recensioni Stampa
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
Point Break
Un film d’azione del 2015 diretto da Ericson Core
Il film è il remake dell’omonimo film del 1991  diretto da Kathryn Bigelow

Al cinema, sala 4 Diana Savona

Molto diverso dal primo film del 1991, che forse filosofeggiava un po’ troppo, andando con ciò a discapito dell’azione, questo remake si presenta soprattutto come un’esplosione di movimenti, di operazioni umane dirompenti, straordinarie, dal ritmo vertiginoso, sempre sullo sfondo di location da favola.
Molto osteggiato dalla critica che vorrebbe vedere sempre realizzato un felice, quanto impossibile, connubio tra pensieri, dialoghi, e azione, questo film di Erison Core prova invece a dare all’azione quel mutismo dei dialoghi verbali necessario a far emergere una lingua altra, che fa tutt’uno  col movimento, più autentica, che è quella della natura: un idioma  quest’ultimo particolare che sembra a volte poter ritornare  in vita, seppur in una forma paradossale, partendo proprio da un punto oscuro ricercato,  identificabile ma reso nebuloso da quanto la civiltà reprime e relega nell’inconscio lasciando che sia l’arte a ridarle vita.
Una natura  che nel film giganteggia con bellezze sconvolgenti e passionali, e in cui i desideri umani dei protagonisti  con le loro pieghe violente o sentimentali paiono fondersi, configurando una misteriosa simbologia spirituale a sfondo religioso e miticizzante, dotata di un’energia enigmatica, che evolve verso un’apoteosi mistica in grado di sfociare in un altrove incommensurabile, visionario: qualcosa che ha il potere di sconfiggere, nelle menti umane che  lo compongono, la paura della morte e l’ossessione del tempo, semplicemente andando loro incontro a testa alta, accompagnati dalla musica che rilascia  un tempo di vita breve  simile a quello di  una farfalla…
 Gli spietati (Unforgiven)

è un film western del 1992 diretto e interpretato da Clint Eastwood.

Filosofia del film. Tema:la seconda vita che si incontra quando il futuro non lascia intravedere più possibili scenari desiderati. Allora la pulsione di morte tiene ancorati a un presente sempre più dominato dalla violenza biologica della sopravvivenza. E' un altrove assoluto, anche poetico però perché privo di paure, si osa intraprendere infatti con un coraggio senza più confini precisi, imprese di giustizia e di immaginazione fuori dal comune...
Bellissima fotografia in controluce, dimensioni spazio tempo della fotografia di grande effetto estetico...
Trama ben congegnata, interpretazioni superlative, regia impeccabile, direttore di fotografia da oscar...
Indimenticabile

  Biagio Giordano
  
 Appena usciti     

I LIBRI

DI BIAGIO GIORDANO

PUOI ACQUISTARLI QUI

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information