CInema: Quintet Stampa
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
 QUINTET
Film reperibile in DVD e anche su You Tube gratis
 

 

Titolo Originale: QUINTET

Regia: Robert Altman

Interpreti: Bibi Andersson, Fernando Rey, Vittorio Gassman, Paul Newman

Durata: h 1.59

Nazionalità: USA 1979

Genere: fantascienza

Al cinema nel Dicembre 1979

Recensore Biagio Giordano

Film reperibile in DVD e anche su You Tube gratis

 

In un mondo dominato dai ghiacci, dove non si conosce bene  la posizione geografica occupata dalle ultime tracce  di comunità umane,  Essex (Paul Newman), un cacciatore di foche, arriva in una cittadina imprecisata organizzata in sezioni-dipartimenti, ai cui vertici si pratica il Quintet (Quintetto), torneo a cinque partecipanti, un comune gioco da tavolo che nasconde una posta in gioco terrificante, per cui  il vincitore ha un indiscusso diritto di vita e di morte sui suoi compagni nonché il dovere di continuare a giocare.


L’ambientazione è molto sinistra ma suggestiva, la popolazione risulta sterile e crede di appartenere  all’ultima generazione:  quella che non avrà più un seguito di vita. Gli animali sono rari. L’aspetto estetico e di costume della  città rifugio e della sua popolazione  si avvale di riuscite raffigurazioni cinquecentesche e moderniste che conferiscono al film suggestioni di forte impatto emozionale tanto da risultare un altrove in cui la fantasia immedesimativa  dello spettatore pare soffermarsi volentieri.

 Il gioco del Quintet sembra essere, per la casta che detiene il potere sulla città, l'unico motivo di "vita", la più alta emozione possibile in quella struttura coatta di relazioni sociali, una vera e propria passione che paradossalmente consente la vita di quella comunità che altrimenti si degraderebbe gerarchicamente andando incontro al caos sociale. E’ ciò che a quella borghesia dominante  occorre per mantenere il potere,  al di là delle già garantite soddisfazioni dei  bisogni primari che non procurano piacere ma inedie, dei vuoti psichici mortali.

Film profetico, non tanto per quanto riguarda il suo compimento reale nel futuro quanto per il gioco di metaforizzazioni che richiamano realtà ben configurabili nel presente sociale e istituzionale di ogni giorno.


Il film ad esempio mette in luce il pleonasmo (sovrabbondanza) pulsionale oggettivo che anima attualmente parte della borghesia al potere, che con i nevrotici ma necessari, soggettivamente, svaghi di mercato nella distribuzione della finanza di stampo derivato, gioca arricchendosi illecitamente all’inquinamento dei titoli sani mettendo in pericolo la vita dell’intera economia del lavoro.

Altman con questo film culturale supera se stesso, lasciando un messaggio sconvolgente, diretto, privo di compromessi, rinunciando a codici visivi spettacolari che avrebbero potuto mettere in secondo piano il prezioso contenuto  del suo narrare per immagini.

Altman è un regista che non ama divertire a tutti i costi né lavorare con l’ovvietà della  morale sulle coscienze, quanto primariamente evidenziare delle oggettività di comportamento, spesso dalle sembianze  misteriose, create da pulsioni di provenienza inconscia, irrefrenabili.   Altman riesce a renderle credibili, a dargli la forma giusta, evidenziandone la forza subdola, insinuante, che si impossessa  lentamente,  in un certo tempo della normalissima quotidianità, delle coscienze. Oggettività che mostrano con il cinema, senza falsi pudori, i demoni del desiderio perverso e criminoso che le costituiscono, e la cui presenza, per pudore e furbizia esistenziale, in ogni tempo e luogo non si è mai osato del tutto confessare.

 

      Biagio Giordano 

 

E' USCITO IL NUOVO LIBRO

DI BIAGIO GIORDANO

 31 film recensiti sulla rivista settimanale on-line Truciolisavonesi, usciti nel 2013-2014

LO PUOI ACQUISTARE QUI

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information