CINEMA: Ombre nella memoria Stampa
Scritto da Biagio Giordano   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Presentato in diversi festival e sarà possibile vederlo, almeno inizialmente, anche su You Tube
 
Ombre nella memoria
 

Ombre nella memoria,

thriller/drammatico, 2014, 

Regia di Annamaria Lorusso

Durata 16 minuti circa.

Commento e recensione di Biagio Giordano

 Con un ottimo lavoro di regia  che si cala meticolosamente in tutte le parti fondamentali della struttura del film, Annamaria Lorusso ha completato, dopo il catalizzante “Il Tempo di un Respiro“ diretto con Emilio Perrone, un’altra opera di qualità dal titolo Ombre nella memoria di cui è anche sceneggiatrice e produttrice.

 E’ un cortometraggio di genere thriller/drammatico che pur nella sua brevità dei 16 minuti riesce a suscitare emozioni e pensieri di livello decisamente alto, cosa che fa pensare a un potenziale espressivo presente nella giovane regista in grado di porre risolutamente in breve tempo i suoi film su un piano di qualità superiore alla media annuale dei film, sul genere, che escono in sala.


 Annamaria Lorusso stupisce per come sa raccontare, e per la padronanza dimostrata nel mettere in pratica una sceneggiatura difficile che non ammetteva pause o sequenze frondose, un copione che puntava diritto a uno scorrimento narrativo di livello superiore, privo di ogni  inceppo fantasioso di origine commerciale.

Sorprende inoltre l’abilità e la competenza estetica nella ripresa fotografica. La  lingua fotografica di Annamaria Lorusso appare ricercata ed efficace, sopratutto nel sostituire, prevedendola, la parola eccessiva, un aspetto che ha evitato più volte nel film il formarsi di verbosità  sgradevoli.


 La fotografia suscita anche diverse emozioni nei dettagli di rinforzo, in particolare in quelli che sono più in relazione con le parti drammatiche delle scene.

Da sottolineare nel film anche i suoi contenuti socio-esistenziali, le cui  problematiche umane sono espresse con chiarezza in tutte le loro specificità, quest’ultime leggibili senza sforzi negli sguardi, nei dialoghi, e nei comportamenti più estremi della gestualità  dei  personaggi.  

Il film è supportato da una tecnica letteraria che riesce a metterne meglio in risalto la forza  drammatica,  essa consiste in un gioco di contrasti estremi tra pulsioni di vita e pulsioni di morte, qualcosa che riesce ad avvincere senza rinunciare mai ai toni di vero, così importanti quest’ultimi per mantenere in equilibrio un racconto.

Questo film sembra riuscire a dare un  contributo significativo alla crescita di quella attendibilità artistica e qualità letteraria che il Cinema Indipendente merita da tempo. L’opera di Annamaria Lorusso è un’ulteriore dimostrazione della possibilità di creare  ottime pellicole con progetti a badget irrisori, alla sola condizione di avvalersi di tutto un cast che crede senza riserve nel piacere e nella importanza della  creazione di un prodotto  artistico bello e privo di condizionanti preoccupazioni di mercato.


 Il film si muove culturalmente su un versante dai forti richiami psicanalitici, teoricamente allusi, deducibili solo attraverso gli episodi, essi non fanno mai parte riflessiva diretta del film cosa che avrebbe fatto rallentare il ritmo della narrazione.  Un altro aspetto positivo del film infatti è che si capisce bene come certi disagi apparentemente generici, causati da questioni familiari e sociali, siano in realtà costituiti da sintomi nevrotici precisi e di una certa gravità: come l’ossessione di ricordi legati al rimosso traumatico, gli irrefrenabili desideri patologici in forte relazione con una sessualità perversa e dissociativa; e per finire le vere e proprie forme di psicotizzazione tra cui spiccano i desideri incontrollati di eliminare fisicamente l’altro percepito fantasmaticamente come seduttore e carnefice responsabile del proprio destino esistenziale.

 Nel cast sono presenti Roberto D’Antona, Greta Armenise, Luna Cacciatori, Domenico Uncino, Annamaria Lorusso, Marco Pagani, Stefania Chiodi, Emilio Perrone e Danilo Uncino.

Trama:Ci sono ferite che non possono essere cancellate…
Un giovane uomo inquieto, nevrotico forse per cause oggettive, disoccupato, fuggito di casa, è tentato continuamente di addossare la colpa di alcuni  suoi mali a una giovane ragazza. Questo porterà l’uomo a perseguitarla? Quale segreto di origine biografica è presente nell’inconscio, tanto da  renderlo così ossessivo? Chi è la giovane ragazza? Essa ha in qualche modo delle responsabilità sul disagio dell’uomo?

Il film sarà presentato in diversi festival e sarà possibile vederlo, almeno inizialmente, anche su You Tube.

Biagio Giordano

Pagina facebook:  https://www.facebook.com/ombrenellamemoria 

 

 

E' USCITO IL NUOVO LIBRO

DI BIAGIO GIORDANO

 31 film recensiti sulla rivista settimanale on-line Truciolisavonesi, usciti nel 2013-2014

LO PUOI ACQUISTARE QUI

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information