Cinema: Lo sceicco bianco Stampa
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Lo sceicco bianco

It. 1952
Genere: Comm.

Durata: 85′

Fotografia BN
Regia: Federico Fellini
Attori: Alberto Sordi, Brunella Bovo, Leopoldo Trieste, Giulietta Masina, Ernesto Almirante

 Due sposini, Wanda (Bovo) e il marito (Trieste) vanno in viaggio di nozze a Roma. Lei si isola per fare il bagno caldo in un locale dell'Albergo fuori dalla stanza, dopo di ché fugge in via 24 maggio per far visita all'eroe dei suoi sogni conosciuto nei fotoromanzi: Lo sceicco bianco (un eccezionale Alberto Sordi) e consegnarli un ritratto del personaggio stesso fatto a carboncino.

Finirà in una generale delusione: conoscerà ciò che stava dietro il personaggio, un uomo volgare, seduttore da strapazzo, succube di una moglie autoritaria e ignorante. E il cast che costruiva le scene da fotoromanzo, si rivelerà essere solo un gruppo di disperati sempre prossimi alla fame, privi di arte, intenti a mettere in pratica le trame-romanzo da sogno più stereotipate. Alla fine sarà il marito il vincente, sincero e leale, su cui lei ritornerà a investire immaginazione e progetti da sogno, finendo per dirgli: "sei tu il mio sceicco bianco".

1° film di F. Fellini con la piena responsabilità della regia.
Satira non di costume, ma sociologica, in una Roma post bellica ancora senza speranza, devastata dalla miseria, dai lutti, di contro a una borghesia che cresce e prospera con gli aiuti americani.

Un A. Sordi stellare che dimostra la sua straordinaria capacità di calarsi senza problemi in ogni personaggio propostogli, dando tono al film, rivitalizzandolo spontaneamente di attenzioni intense in ogni scena in cui appare.

Una Roma popolare folle e visionaria come mai, ignara del miracolo economico imminente, che distruggerà ogni cultura locale, suscitando forti immigrazioni interne...

 Rudy Giordan    

 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information