Bergeggi ha ricordato il Transylvania Stampa
Scritto da L. G.   

BERGEGGI HA RICORDATO IL TRANSYLVANIA,

CENT’ANNI DOPO IL SUO AFFONDAMENTO

It’s a long, long way to Tipperary… Si dice che, al momento dell’esplosione del primo siluro, diretto al Transylvania, la banda militare a bordo della nave stesse suonando proprio la più famosa marcetta militare della Prima Guerra mondiale.  E Monica Anaclerio, vicepresidente dell’Associazione l’ Iz”ua ha voluto incominciare l’incontro del 28 aprile scorso presso la Biblioteca Civica A. Cabiati, dedicata al Centenario dell’affondamento del Transylvania, proprio con il ricordo sonoro di un 78 giri d’epoca di questo brano, presentando le relazioni.

  

 Luigi Griva, Tecnico di Archeologia Subacquea e giornalista, ha introdotto l’argomento della presenza di sommergibili austro-ungarici e germanici nel Mar Ligure, e delle perdite causate al naviglio mercantile italiano L’ avv. Giacomo Pignata storico, avvalendosi delle animazioni grafiche di Elena Genovesi ha spiegato l’evoluzione dell’attacco e del salvataggio dei militari inglesi. Infine Edoardo Riccardi, archeologo subacqueo, ha raccontato vent’anni di ricerche del sito del relitto del Transylvania, nelle quali è stato coinvolto con il CSAM – Centro Studi Attività Marinare. Con l’occasione, è stata presentata una Mostra di libri e documenti inerenti l’argomento, che resterà aperta presso la Biblioteca Civica  A. Cabiati sino al 4 giugno

L.G.


Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information