Settimanale Anno XVI
Numero 710 del 24 maggio 2020
Tel. 346 8046218
Il “delitto perfetto” della Solvay Stampa E-mail
Scritto da RETE AMBIENTALISTA   

 

Il “delitto perfetto” della Solvay assolto anche in Cassazione 

Di norma i “grandi processi” in sede penale corrispondono a “delitti perfetti” contro l’ambiente e la salute, garantiti da una impunità sicura nelle aule dei tribunali. Se ancora gli manca, chi vuole l’ennesima conferma può vagliare il processo Solvay di Spinetta Marengo (AL), e può già prefigurarsi l’esito dell’imminente maxi processo Miteni di Trissino (VI) per l’analoga catastrofe ecosanitaria in Veneto. Questi processi, che durano decenni e non mandano mai nessuno in galera, servono solo ad impinguare le casse degli avvocati, d’accusa e di difesa, mentre non risarciscono mai le Vittime: né le Persone né l’Ambiente. L’emblematico scandalo Eternit è infatti la regola: senza rilevanti eccezioni una delle tante vergogne -compresa Solvay- analizzate in “Ambiente Delitto Perfetto” di Barbara Tartaglione e Lino Balza, prefazione di Giorgio Nebbia.

 


 

Come previsto la Cassazione, respingendo i ricorsi degli imputati, pochi giorni fa ha collocato la pietra tombale sul delitto perfetto perpetrato per decenni e senza soluzione di continuità dolosa da Montedison e Solvay a Spinetta Marengo. Contro le loro “gravi ripetute condotte offensive all’incolumità pubblica, per un evento distruttivo di proporzioni straordinarie atto a produrre effetti gravi: un reato a consumazione prolungata”, ha pronunciato parole durissime lo stesso Procuratore Generale. Giuste parole le sue, ma solo parole. Perché i buoi erano già scappati dalla stalla. Perché i 38 indagati del lontano 2008 sono stati ridotti a 8 imputati, 3 dei quali -gli amministratori delegati, i beneficiari dei profitti!- sono stati assolti nei primi due gradi di giudizio dacchè… a loro insaputa i sottoposti… di propria iniziativa avevano sepolto milioni di tonnellate di cancerogeni a percolare un cocktail di 21 veleni (dall’arsenico al cromo esavalente) nella più vasta falda acquifera del Piemonte. Però i 3 capri espiatori non condonati dalle prescrizioni, secondo i giudici sarebbero stati meri esecutori di ordini (di chi? dei manager assolti?) e poverini avrebbero per decenni avvelenato senza dolo, senza intenzione, bensì per colpa, inavvertitamente cioè, e infatti sono stati “puniti” con 1 anno e 8 mesi (con doppi benefici di condizionale e non menzione!), meno di chi ruba una scatoletta di tonno al supermercato. “Pene lievi e risibili” le ha definite lo stesso procuratore generale.

 

 

A tacere dell’impunità per gli assolti, lo “sconto pena” dell’Appello non è insignificante se si considera che per gli 8 imputati erano stati dal PM chiesti fino a 18 anni di reclusione (127 anni in 8). Sì, perché per il reato di “avvelenamento doloso delle acque destinate all’alimentazione” l’articolo 439 prevede tale condanna; se non che non si capisce cosa ci stia a fare nel codice penale se nessun tribunale lo applica ma lo derubrica al blando reato di “disastro innominato colposo”, come per chi versa un bidoncino di trielina in un fosso. Insomma, del delitto mancherebbero la conoscenza da parte dei manager e la consapevolezza da parte dei dirigenti, come se per 40 anni chi scrive ossessivamente non l’avesse denunciato urbi et orbi sui giornali e ai tribunali, a costo di licenziamento. Va da sé che le centinaia di Vittime parti civili non sono risarcite, a meno che si intenda per risarcimento l’indecente elemosina di 10mila euro a fronte delle iniziali richieste, ad esempio, di 978.450 euro per un tumore letale o 400.000 per la leucemia di una bambino. Queste misere 10mila euro indistintamente pro capite sono un insulto, perfino irridente perché attribuite per “sofferenza psichica, timore di ammalarsi”… anche ai defunti. Ma i loro avvocati si dichiarano soddisfatti. Va da sé che non è in atto né verrà mai realizzata la vera miliardaria bonifica dell’immane avvelenamento, con il suo perpetuo corollario di morti e ammalati replicato dalle ricorrenti indagini epidemiologiche. Gli avvocati delle parti civili, gli unici beneficiari di questi processi insieme alle associazioni che vi piombano come avvoltoi, sulla “balla” delle bonifica rilasciano ai compiacenti giornali dichiarazioni entusiastiche a giustificare i loro compensi. Ma dove sono finiti in sentenza i 100.000.000 euro di provvisionale chiesti dal Ministero dell’Ambiente come prima trance dei danni ambientali, sanitari e sociali?

Va da sé che Solvay, Provincia di Alessandria permettendo, vuole aggiungere in falda addirittura un ventiduesimo veleno: il PFAS C6O4, lo stesso che è oggetto dell’imminente processo di Vicenza per Miteni. Se questo non è un delitto perfetto, cos’è? è giustizia questa? La sentenza della Corte d’Appello di Torino aveva definito tale delitto “un evento distruttivo di proporzioni straordinarie”, “un avvelenamento delle falde difficilmente reversibile”, “sprezzo assoluto degli imputati all’incolumità pubblica”. Poi ha sostanzialmente assolto tutte le pene. Solo gli imputati hanno fatto ricorso, pro forma. All’impotente procuratore generale di Cassazione non è rimasto a giochi fatti che esclamare: “Mi auguro che seguano centinaia, migliaia di cause civili per toccare questa gente nel portafoglio”. Opzione che ho sostenuto, per tempo, dopo il primo grado di giudizio: per le Vittime il processo penale è solo grasso che cola per gli avvocati. Lino Balza Movimento di lotta per la salute Maccacaro «Quello che è avvenuto (a Spinetta; ndr) è un disastro, un evento distruttivo di proporzioni straordinarie atto a produrre effetti gravi: un reato a consumazione prolungata, caratterizzato dalla ripetizione di singole condotte lesive». Nei processi di merito, sono stati assolti gli amministratori delegati (Carlo Cogliati, Bernard Delaguiche, Pierre Jacques Joris) e condannati a un anno e otto mesi (con la condizionale e non menzione ottenuta in Appello) tre dirigenti del settore Ambiente e Sicurezza delle due società: Giorgio Carimati, Giorgio Canti e Luigi Guarracino; prescrizione per un altro manager, Francesco Boncoraglio, assoluzione per difetto di dolo per l’ex dirigente Giulio Tommasi. «Pene peraltro lievi e risibili» le ha definite il procuratore generale.

 

 Rete ambientalista 

 

Movimento di lotta per la salute Giulio A. Maccacaro Sezione di Alessandria 

 

Chi siamo https://www.edocr.com/v/keebqjrk/bajamatase/chi-siamo

Bibliografia https://www.edocr.com/v/d9ewyp9d/bajamatase/bibliografia

Sito: www.rete-ambientalista.it

E-mail   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   –   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   -  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Tel. 3470182679 - 3382793381 

Sottoscrizioni a favore Ricerca cura mesoteliomaIBAN IT68T0306910400100000076215 

 

Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/299522750179490/?fref=ts

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/reteambientalista/?fref=ts

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCnZUw47SmylGsO-ufEi5KVg

Twitter: @paceambiente

  
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information