Settimanale Anno XVI
Numero 716 del 5 LUGLIO 2020
Tel. 346 8046218
Cinema: Life - non oltrepassare il limite Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Life - non oltrepassare il limite

 Life - non oltrepassare il limite, di Daniel Espinosa, con Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, anno 2017, paese Usa, genere fantascienza, durata 104 minuti.

  L'equipaggio della Stazione spaziale internazionale, salva dalla distruzione certa una sonda proveniente da Marte, che vagava senza alcun controllo nello spazio. Il team di astronauti della stazione, è composto dal biologo Hugh Derry, dall'ufficiale Miranda North, dal comandante Ekaterina Golovkina, dal tecnico Sho Murakami, dall'ingegnere Rory Adams e dal dottor David Jordan. Il team studia con grande interesse il materiale trovato all'interno della sonda nella speranza di trovare forme di vita extraterrestre.

E' stata reperita al suo interno una cellula atipica, che appare subito biologicamente molto interessante. Approfondendo la ricerca si scoprirà che in essa c'è vita, seppur provvisoriamente assopita.

 Essa viene posta in un piccolo laboratorio vetrato, asettico e sigillato su cui è possibile intervenire solo dall'esterno infilando le mani negli appositi guanti fissi che danno verso l'interno. 

La cellula esce dall'assopimento a seguito sia della creazione di un'atmosfera con parametri diversi da quelli usuali nella astronave, che per l'aggiunta di glucosio. 

Essa si riproduce velocemente e diventa in breve tempo organismo. La sua struttura multicellulare reagisce agli stimoli dati dall'uomo. L'organismo appare costituito da cellule muscolari, cellule nervose e cellule oculari. E viene battezzato «Calvin» dai telespettatori terrestri che hanno seguito il tutto in diretta. 

 Calvin però, a seguito di uno stimolo datogli dall'uomo con una scossa elettrica diventa improvvisamente aggressivo, afferra violentemente la mano coperta da un guanto di un astronauta deformandola, terrorizzando l'intero equipaggio. 

 Calvin è intelligente, agisce con degli scopi, uccide un topo – una cavia da laboratorio – cosa che gli permette, divorandolo, di crescere in dimensione e peso, e in seguito attacca sistematicamente l'uomo, cercando di succhiarne il sangue cosa che gli permetterebbe di continuare a crescere. Calvin ingaggerà contro gli astronauti una vera e propria lotta all'ultimo sangue, mettendo seriamente a rischio tutta la missione interplanetaria.

Film che ricorda Alien, il capolavoro di Ridley Scott e di tutta la sua serie, ma che sa mantenere con sagacia narrativa il passo dei tempi di oggi, mostrando un'architettura scenica originale sorretta da un linguaggio fotografico ad alta ingegneria digitale impensabile ai tempi di Alien (1979).

Un messaggio sapienziale presente nel film potrebbe essere questo: mai proiettare i nostri schemi di sapere su forme di vita che non conosciamo, perché quest'ultime potrebbero essere del tutto altro, con potenzialità malefiche inimmaginabili.

  Biagio Giordano  

  

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information