di Massimo Bianco
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 684 del 10 novembre  2019
Tel. 346 8046218
Dalle inondazioni alle alluvioni Stampa E-mail
Scritto da T.S.   

Dalle inondazioni alle alluvioni

Qualche decennio fa, a causa di forti piogge potevano esserci dell’inondazioni. Le inondazioni sono fenomeni naturali che contribuiscono ai processi di evoluzione e modificazione del territorio. Si tratta di allagamenti temporanei di zone popolate o coltivate. 

Oggi invece si tende a non parlare più di inondazioni ma di alluvioni perché nell’acqua che fuoriesce dagli argini sono presenti anche accumuli di materiale fluviale, costituito da fango e da sedimenti che creano danni economici e, peggio ancora, perdite di vite umane.

 


 

L’uomo interviene per cercare di prevenire queste conseguenze catastrofiche senza rendersi conto di essere lui l’artefice delle alluvioni.

Ha dimenticato che i corsi d’acqua crescono e diminuiscono a seconda della stagione, per questo ha gestisto male il territorio con costruzioni sugli argini dei corsi d’acqua e in zone esondabili, ha ristretto i letti dei fiumi e addirittura li ha ricoperti di cemento, ha asfaltato tutto il possibile e ha abbandonato i boschi.


La causa principale delle inondazioni sono le precipitazioni intense e prolungate, ma ci sono anche le cause dovute all’incuria dell’uomo: 

  • una percentuale altissima di territorio impermeabilizzato; 
  • costruzioni e asfalto che impediscono alla pioggia di infiltrarsi nel terreno con un conseguente e rapido aumento delle quantità di acqua nei fiumi;
  • la mancata pulizia dei corsi d’acqua e dei boschi, con la vegetazione che impedisce il deflusso dell’acqua e la costringe ad uscire dagli argini, creando gli eventi catastrofici.  
  • le sciagurate costruzioni in prossimità degli alvei dei fiumi che, in caso di inondazioni, creano danni all’economica e soprattutto creano perdite di vite umane

Ora si è corso ai ripari con opere per diminuire o convogliare la portata idrica dei fiumi in piena (dighe, bacini artificiali, scolmatori). Lavori costosi e lunghi da realizzare e molte volte inutili (non serve scavare il greto del fiume, bisogna invece allargare gli argini)

Quello che è mancato all’uomo, in questi anni, è la cultura naturalistica. Nella gestione del territorio si è continuato a non tenere conto delle esigenze della natura.

 Si deve cambiare mentalità cominciando, magari, ad intervenire con azioni mirate nella manutenzione delle montagne abbandonate da decenni con il rimboschimento e la nascita di boschi nuovi.

 

T.S.

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information