TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 681 del 20 ottobre  2019
Tel. 346 8046218
Di Battista e la corsa del Movimento Stampa E-mail
Scritto da TOMMASO MERLO da Infosannio   

 Di Battista e la corsa del Movimento

Mai fidarsi del vecchio regime. Mai. E tanto meno del Pd. Ha ragione Di Battista. L’intellighenzia di sinistra considera il Movimento uno sfogo passeggero, una rivolta che prima o poi dovrà arrendersi, dovrà rassegnarsi. Fin dalla sua nascita, l’intellighenzia di sinistra ha provato a “normalizzare” il Movimento infamandolo. Adesso stanno cambiando strategia. Vogliono l’ammucchiata, vogliono allearsi in modo da succhiargli idee, credibilità e soprattutto voti. In modo da assorbirlo.

 


 

Del resto, Salvini è riuscito a drenare un sacco di consensi e sperano di riuscirci pure loro. Già, guai a fidarsi. Guai. Il Pd va tenuto a debita distanza. Adottando tutte le precauzioni possibili. Da Roma fino in Umbria. Perché la realtà è esattamente l’opposto di quello che credono loro. Il Movimento non è uno sfogo passeggero, ma una innovazione che deve diventare permanente. Il Movimento è la democrazia di domani. Il Pd è il vecchio. Il Movimento è il nuovo. Ed è il vecchio che deve scomparire e lasciare spazio. E non viceversa. Il Pd è obsoleto nelle idee, nelle facce, nelle logiche, nella struttura. Ha un curriculum orrendo, è complice del marciume che ha distrutto il nostro paese e sorprende giusto che vi sia in giro ancora gente disposto a votarlo. Ma visto che c’è e il Pd ha i seggi sufficienti, il Movimento ha deciso di provare a governarci per vedere se riesce a portare a casa altri risultati. Scelta rischiosa ma di responsabilità. Scelta che potrebbe alla fine aiutare il cambiamento a patto che il Movimento corra e anche veloce. Altro che fine legislatura. Il Pd è una bolgia del tutto inaffidabile. Il governo potrebbe saltare nel giro di qualche mese.

 


 

E per questo il Movimento deve correre mettendo subito in sicurezza il reddito di cittadinanza, quota 100, l’abolizione della prescrizione e le altre riforme già realizzate. Deve poi completare quelle avviate come il taglio dei parlamentari e portare a casa il salario minimo e se possibile la riforma della giustizia e tutte quelle concretizzabili in tempi brevi. C’è poi la manovra verde e il disinnesco dell’Iva. Questione di mesi. Altro che fine legislatura. Il Pd e tutti i bitorzoli ex comunisti sono in condizioni troppo penose per reggere a lungo la prova di governo. È vero che sono disperati, ma la loro arroganza li ha sempre portati a comportamenti autolesionisti e insensati. Il Movimento deve correre. Veloce. E senza fidarsi. Al di là delle chiacchiere, lo scopo del Pd e quello di fagocitare il Movimento. E per questo tenteranno di trascinarlo nel pantano politichese, per farlo sporcare, per farlo sprofondare fino a che qualche scheggia impazzita farà saltare tutto. Ieri Salvini, domani Renzi o qualche dinosauro costipato. Ma peggio per loro. Che si torni al voto, a quel punto, e spetterà ai cittadini valutare quali forze politiche hanno lavorato seriamente per mantenere le promesse e per il bene comune e quali invece hanno tramato per i soliti secondi fini. Spetterà ai cittadini valutare le cose fatte e decidere se vale ancora la pena farsi infinocchiare dai vecchi partiti e dai loro biechi leaderismi o sposare il cambiamento. Spetterà ai cittadini decidere se il Movimento è davvero uno sfogo passeggero da normalizzare oppure è il futuro della nostra democrazia.

  

  Tommaso Merlo da Infosannio

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information